Beati i poveri, perché moriranno prima

“Universi Microscopici” 2 – Dialogo sopra i Minimi Sistemi

Posted by sdrammaturgo su 13 marzo 2007

Ludovico: “Toh chi se vede!”

Marcello: “Oh, carissimo! Che se dice?”

Ludovico: “E che se dice…Niente…Tu che me racconti? Che stai a fa’ ‘sto periodo?”

Marcello: “Se lavora, come sempre.”

Ludovico: “C’ha’ ragione: qui tocca sempre lavora’ e nun c’avemo mai ‘na lira.”

Marcello: “Hehehe, davero…E d’altronde che voj fa’? Se nun se lavora nun se magna. Chi ha’ visto de quell’altri?”

Ludovico: “Guarda, giusto l’altro giorno so’ stato a pranzo co’ Mario e Luigi.”

Marcello: “Ma daje? E che dicono?”

Ludovico: “Ma niente. Io dovevo anna’ a cerca’ ‘n fanalino pe’ la machina, ché ‘no stronzo m’ha dato ‘na botta mentre faceva manovra.”

Marcello: “Sempre così succede. E poi c’è da di’ che le machine de na vorta erano molto più resistenti. Adesso se sfasciano subito che è tutta plastica e troppa robba elettronica. Te costano quanto ‘na fija femmina.”

Ludovico: “E ch’ha’ da fa’…E ‘nzomma ar bar Gigi m’ha detto che invece de comprallo all’autoricambi me conveniva cerca’ prima da ‘no sfasciacarrozze che conosce Mario.”

Marcello: “Ma che per caso è quello che sta dopo lo svincolo de la tangenziale?”

Ludovico: “Preciso, quello. Allora se semo messi d’accordo e ce semo annati tutti insieme, tanto pure a Gigi je serviva nun so che pe’ la marmitta, e Mario c’ha accompagnato pe’ facce fa’ ‘n prezzo bono. Tra ‘na cosa e n’altra avemo fatto l’una, al che avemo detto ‘Mo tanto vale fermasse a pranzo’, così se se semo fermati in un’osteriola che stava pe’ strada. Oh, te dico: nun j’avrei dato n’sordo de fiducia, e invece te dirò che avemo magnato bene.”

Marcello: “A la fine se sa, ne ‘st’osterie te trattano sempre bene. Pur’io sabbato co’ mi’ moje so’ annato in un posto che c’aveva consigliato Massimino, quello che c’ha la tabaccheria vicino all’alimentari de Sergio. Io me so’ preso ‘n antipasto abbondante de terra e ‘n bel piatto de fettuccine co’ li funghi. Mi’ moje s’è presa un risotto a la pescatora. Poi io ho ordinato pure ‘na bistecca e oh, te giuro che nu’ je la facevo a finilla. A la fine avemo speso venti euro a persona, compreso caffè e amaro, che a la fine è poco per quello che avemo magnato.”

Ludovico: “Ormai tanto co’ meno de venti euro nun ce magni più da nessuna parte. Allora stamme a senti’: si te capita, va’ da Gino er Cacciatore, ce l’ha’ presente?”

Marcello: “Sì, me pare d’avello sentito. Ma che per caso è quello che sta dopo la rotatoria?”

Ludovico: “Esatto. A parte che fanno ‘n cinghiale e un lepre che so’ la fine der monno, ma poi se magna bene e se spenne poco.”

Marcello: “Bono bono, mo ‘sto fine settimana pò esse pure che ce passo. Invece dice che da la Sora Rita nun è più come prima”

Ludovico: “Lascia perde, nun vale più gnente. E’ scaduta proprio. Io ce so’ stato che mo sarà un mese. Che era…’na domenica, me pare – sìsì, ‘na domenica. Eravamo io co’ la moje e li fiji e c’avemo portato pure mi’ madre. Ha’ visto, giusto pe’ faje fa’ ‘n giretto ogni tanto. D’antipasto de mare c’ha portato du’ cacatelle, la pasta era scotta e la spigola condita pe’ modo de di’.”

Marcello: “Ma pensa te…”

Ludovico: “E poi a la fine er conto è venuto su le trentacinque euro a persona. Ma te pare?! Che poi mi’ madre e li regazzini quanto avranno mai potuto magna’, tu che pensi? Calcola solo che mi’ madre ha preso solo ‘na zuppa e li fiji ‘n primo in due e le patate fritte.”

Marcello: “Ormai co’ ‘st’euro ce s’approfittano tutti. Ma tanto se sa: conviene magna’ a casa, che tanto bene come a casa nun ce se magna da nessuna parte.”

Ludovico: “Ah sì, sicuro. Ché poi a mi’ moje adesso je s’è presa a fa’ lo spezzatino co’ l’aceto balsamico come fanno là pe’ Riccione, quee parti là, e te dico che je viene bono davero.”

Marcello: “Lei che ce mette?”

Ludovico: “Ma guarda, giusto ‘n po’ de rosmarino, er pepe e ‘n pizzichetto de peperoncino, ma proprio appena appena. Poi vabbè, er soffritto de cipolla pe’ ‘r sugo. E te dirò, me sa che lo faceva pure stasera. Anzi, famme anna’ va’, ché già m’è venuta fame.”

Marcello: “Hehehe. Sì, vo pur’io, che me tocca pure passa’ dar ferramenta a pija’ er filtro novo pe’ la caldaia, ché s’è sfonnato. Ma poi la settimana scorsa me s’era attappato pure er sifone. Ce se mettono tutte!”

Ludovico: “E’ così: quanno arrivano, arrivano tutte insieme.”

Marcello: “Oh, allora stamme bene. E soprattutto forza Lazio, come sempre. Hehehe.”

Ludovico: “Eh, quest’anno ve sta a anna’ bene, eh? Ma vedrai che ve ripijamo!”

Marcello: “Ma ‘sto Milan? Nun carbura?”

Ludovico: “E c’avemo pure speso ‘n sacco de sordi…Avemo comprato pure quel terzino, lì, quello mezzo brasiliano, ma nun è servito a gnente. Ce serve almeno almeno ‘n artro difensore.”

Marcello: “E’ il fatto che tu mi insegni che si nun c’è la squadra…”

Ludovico: “Infatti, infatti…Via, tocca che me do. E tanto poi una de ‘ste sere se sentimo e annamo a magna’ da qualche parte.”

Marcello: “Sìsì, pe’ forza, uno de’ ‘sti giorni se mettemo d’accordo e famo quarche cosa.”

Ludovico: “Sicuro. Allora te saluto, Marce’.”

Marcello: “Se vedemo! Ciao”

Ludovico: “Ciao.”

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: