Beati i poveri, perché moriranno prima

L’importanza di non chiamarsi Ernesto

Posted by sdrammaturgo su 11 settembre 2007

I nomi…si sottovaluta sempre l’importanza dei nomi. Anche se non ce ne rendiamo conto, a loro è affidata la buona riuscita di una frase ad effetto, specie le struggenti parole d’amore; da loro dipende l’intera gamma di emozioni legate ad un’espressione romantica, tanto da arrivare a risultare più importanti del pensiero espresso stesso, il quale può crollare in un baratro di ridicolo e grottesco se accompagnato da un nome del destinatario non all’altezza della nobiltà dei sentimenti. I diminutivi, poi, sono la tomba della poesia. Non ci credete? Basterà qualche esempio.

“Ti amo da impazzire, Uccio!”

“Sei tutta la mia vita, Cencio!”

“Senza di te la mia esistenza non ha più senso. Nel mio cuore non c’è spazio per nessun altro oltre te, Ciccio!”

“Ardo di passione quando mi tocchi con le tue mani forti, Meco!”

“Io ti salverò, Memo!”

“Fin dal primo momento in cui ti ho visto, ho pensato che ti avrei sposato e saresti stato per sempre mio. Sei l’uomo che ho sempre desiderato, Mimmo!”

“Quando ti guardo negli occhi, il mio cuore trepida al suono della tua voce, Gismondo!”

“Non ti dimenticherò mai, Cecco!”

“Ti prego, non lasciarmi, Gioacchino!”

“Resterò al tuo fianco fino all’ultimo respiro, Calogero!”

“Amami con tutta la tua anima, Raimondo!”

“Accanto a te mi sento una persona migliore. Mi completi, Peppe!”

“Mi piace addormentarmi sul tuo petto palpitante, Gianfilippo!”

“Oh, cosa sarei senza di te, Pippo?”

“Sei una persona splendida, Anacleto!”

“Ovunque andrai, io sarò al tuo fianco, Arduino!”

“Ogni volta che soffia il vento calmo della sera, mi sembra quasi di udire il tuo sospiro; ogni volta che un petalo mi sfiora le gote, mi sembra di sentire le tue labbra; sei il mio sonno e la mia veglia, Aristide”

“Ti sogno ogni notte, mio principe, mio Gusmano!”

N.B. Lo so, è tra i post più inutili della rete, ma dopo aver fatto il serio che si dà un tono con la precedente poesia corredata da tanto di introduzione, avvertivo veemente la necessità di tornare al più presto a buffonesche nobili ciarle, altrimenti dette cazzate.

N.M. Vero, sono del tutto assenti nomi e diminutivi femminili, ma giuro che non sono riuscito a trovarne uno solo che eguagliasse in ridicolaggine quelli maschili.

Post scriptum molto importante decisamente e volutamente fuori tema

Oggi è l’undici settembre. Di sicuro, su tutti i media, impazzeranno le commemorazioni per il semiautoattentato alle Torri Gemelle. Io, come l’anno scorso, sento il dovere di dare voce ai morti dimenticati, quelli dell’altro undici settembre, poiché la memoria deve essere uguale per tutti.

Ken Loach, cortometraggio dal film 11 settembre 2001

Annunci

2 Risposte to “L’importanza di non chiamarsi Ernesto”

  1. SuperCoven said

    AHAHAHAHAHAHAHAH questo è bellissimo! Diffida sempre di chi ha dei nomi discutibili, non solo robe brutte come Jessica, NOEMI, Rosy e via dicendo, ma soprattutto di chi ha il nome anglosassone in relazione a un cognome italiano, soprattutto terrone! E te lo dico io che sono sicula da parte di madre, dei miei parenti terun hanno chiamato la figlia Kimberly! KIMBERLY!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: