Beati i poveri, perché moriranno prima

Archive for ottobre 2007

“Pedanteria politicizzata” 5 – Il “Lei”

Posted by sdrammaturgo su 30 ottobre 2007

Il Male non solo lo ingurgitiamo, lo respiriamo, lo indossiamo, lo calpestiamo: addirittura lo pronunciamo. Dire il Male è una pratica più diffusa di quanto pensiamo. Anzi, inevitabile e quotidiana. Ogni giorno noi proferiamo il suono del Male, ne scriviamo le lettere specchio della sua essenza, lo ripetiamo continuamente e costantemente. Ne abbiamo talmente interiorizzato l’uso da non accorgerci più della sua presenza fissa nelle nostre bocche. E nella sua forma linguistico-verbale il Male si presenta sotto le temibili spoglie del “Lei”.
Sì, il “Lei”, la formula di cortesia della terza persona femminile singolare, uno dei picchi massimi, insuperati ed insuperabili del terrificante formalismo borghese, che nel “Lei” si rivela in tutta la sua potente, possente e veemente assurdità.
“Alle persone più grandi od agli sconosciuti va dato del “Lei”, se no non sta bene” “Sì, ma perché?” “Eh, se no è maleducazione” “Ok, ma perché?” “E’ una mancanza di rispetto” “Va bene, ma perché?”. E’ sempre la domanda “perché” la chiave per penetrare i misteri del Ridicolo e palesarne l’idiozia. Ciò che viene fatto senza motivi validi, è ben vacua e misera cosa.
Ricordo quando al liceo mi dissero che venire a scuola in pantaloncini corti era una grave mancanza di rispetto nei confronti dei compagni e dei professori. Da quella volta mi sono sempre interrogato su cosa avessero di offensivo le mie ginocchia. Probabilmente la mia fronte è una gran bastarda, ma io non lo so. Era giugno, era caldissimo. La logica mi aveva suggerito di vestirmi leggero per non patire le vampe inclementi dell’estate che si era imposta con un sole micidiale. Compresi presto che non è la ragione a guidare la vita sociale dell’essere umano e a farti fare bella figura. Quell’esperienza mi segnò nel profondo. Iniziò un periodo di intense riflessioni sui concetti di rispetto per il prossimo, buonsenso ed etichetta, antipatia dei miei gomiti. Pian piano cominciai a collegare, imparai ad individuare relazioni tra comportamenti, a racchiudere nello stesso insieme atteggiamenti di natura solo in apparenza differenti, ma invero del tutto affini, se non perfettamente identici. Dalla sconvenienza attribuita ai miei calzoni corti passai alla regola dell’alzarsi in piedi quando entra l’insegnante e da lì arrivai alla Lex Legum, alla Formalitas Formalitatium, alla Cazzata Cazzatarum: il “Lei”.
Analizzando approfonditamente la questione del “Lei”, ottenni le risposte che cercavo sul divario conflittuale tra raziocinio e protocollo. Il primo termine ne usciva pesantemente sconfitto. Mi apparve subito chiaro che nulla di logico poteva esserci nell’etichetta. Si trattava dunque di operare una scelta cruciale: optare per le buone maniere o per l’intelligenza.
Già, non c’è scampo: poiché dove sta la logica nel “Lei”?
In questa pratica di buona creanza è contenuta tutta la stupidità del formalismo borghese.
Il formalismo non è solo sciocco, ma anche dannoso e diseducativo. Esso non fa infatti che creare confusione su cosa significhi realmente “mancare di rispetto” ed insegna non già il rispetto sincero per il prossimo, bensì un suo squallido ed insensato surrogato chiamato bon ton.
Dove sta la mancanza di rispetto nel comunicare con il proprio interlocutore con la seconda persona singolare?! Anche perché: se parliamo io e te, io sono prima persona singolare (giacché sono da solo e parlo a nome mio) e tu seconda; bene: qualcuno può spiegarmi dove cazzo se trova ‘sta ricazzo de terza persona?! Io parlo con te e mi riferisco linguisticamente e grammaticalmente ad un altro! Anzi, ad un’altra, dal momento che ci vuole pure rigorosamente il femminile! Ecco: il galateo pretende non soltanto che ci si rivolga ad una seconda persona come se ci fosse una fantomatica terza alle sue spalle, ma perfino che questo spettro sia donna!
“Guardi, va bene darmi dello stronzo, ma trattarmi da seconda persona e per giunta maschile proprio no!”
“Scusami, tu per caso…” “Ma come si permette?!” “Vada a fare in culo” “Oh, così va meglio”.
Vogliamo accettare il fatto che ci siano convenzioni stabilite da chissà chi che ci ammorbano l’esistenza, infarciscono la comunicazione e lo scambio umano di sovrastrutture insane ed irrazionali, rendono più complessa la convivenza, consegnano alle buone maniere ciò che tolgono al benessere ed alla naturalezza spensierata delle relazioni? Bene, allora da oggi in poi pretendo che mi si dia dell’“Io”. Perché che è questa maleducazione di darmi della terza persona?! E poi chiamare in causa terzi, proprio non sta bene! E’ da gran maleducati. Da oggi in poi esigo che mi si dica: “Prego, mi accomodo. Gradisco qualcosa da bere?”. Sì, molto meglio un umile “Io”, che denota garbo, modestia, riflessività ed ha anche un sentore di piacevole sottomissione che non guasta mai.
Personalmente, ogniqualvolta mi sento rivolgere un disarmante “Lei”, non riesco a fare a meno di chiedermi: “Lei chi?” e mi viene di guardarmi dietro ed intorno. Peraltro, incalzare il proprio urbanissimo interlocutore con la domanda: “Lei chi?” è un ottimo test per smascherare l’imbecille pochezza di tal costume: “Non è che lei…” “Lei chi?” “Lei lei” “Lei io?” “Sì, lei lei” “Ah, allora lei un’altra?” “Hem…”. La laconicità assicurata del malcapitato sarà un segnale chiaro della bestialità costituita dal “Lei” e getterà l’altrui persona in uno sconfortante ma costruttivo dubbio che la costringerà anche solo per un attimo ad interrogarsi sulle sue radicate inutili certezze.
Sarà una domanda che vi seppellirà.

Posted in Pedanteria politicizzata | Contrassegnato da tag: , , , , , | Leave a Comment »

Agenzia di stampa

Posted by sdrammaturgo su 28 ottobre 2007

– Dopo il tigrato, il leopardato, il muccato e lo zebrato, le case di moda lanciano sul mercato lo gnuato.

 

– Anche il Ministro Clemente Mastella ha ricevuto una busta da lettera con dentro un proiettile. Allegato c’era un bigliettino con scritto: “Capo, va bene se per De Magistris usiamo questo calibro?”.
Napolitano intanto è intervenuto sulla vicenda ed ha dichiarato di vigilare attentamente sulla delicata faccenda Why Not. Il portavoce del Quirinale ha risposto a tutte le critiche secondo cui il Presidente della Repubblica si stia muovendo un po’ a rilento e con fin troppa cautela in difesa delle indagini: colpa del catetere.

 

– Il maltempo si abbatte su tutta la Penisola, ma si accanisce su Duilio della povera Armida.

 

– Nuovo miracolo attribuito a Padre Pio: un bambino malato di cancro è guarito inspiegabilmente dal tumore. Ora ha la leucemia.
“Ho pregato giorno e notte per ottenere questo miracolo” ha detto mamma Carla “Peccato che ne abbia beneficiato il figlio di un’altra”.

 

– Cieco riacquista la vista e scopre che la moglie è un cesso. La moglie riacquista l’udito e scopre che il marito dice un sacco di cazzate. Il figlio riacquista l’olfatto e scopre che i suoi genitori puzzano. La sorella riacquista il gusto e scopre che in casa si mangia di merda. Il nonno riacquista il tatto e viene arrestato per molestie sessuali.

 

– Resta acceso il dibattito sulla legge 30. La tesi sostenuta dai suoi oppositori è fondamentalmente una: la legge Biagi andrebbe abolita perché la sodomia non consensuale sarebbe incostituzionale.

 

– Scienza. Scoperto il vero motivo per cui con il freddo gli odori si percepiscono con minore intensità: perché si ha il naso tappato dal raffreddore.

 

– Costume e società. Si sa, le dinamiche dei rapporti uomo/donna restano ancora sotto molti aspetti avvolte nel mistero. Uno studioso tenta oggi di fare un po’ di luce nello spinoso terreno del corteggiamento con un libro che pone un interrogativo cruciale: “Per conquistare una donna bisogna non cagarla. Ma come fa a capire che sto ignorando proprio lei e non un’altra?”. Già pronto il seguito: “Trenta euro e passa la paura”.

 

– Si è concluso ieri il Congresso Annuale dell’Accademia della Crusca. Titolo del convegno: “Qualcuno ha mai usato il trapassato remoto?”.
Dopo le intensissime giornate di dibattito e ricerca che hanno coinvolto i più insigni linguisti italiani, nella relazione finale si è posto l’accento sui seguenti punti: non è opportuno utilizzare la formula di cortesia “cento di questi giorni” ad un funerale; il participio presente del verbo “mangiare” non serve a un cazzo; urge stipulare un armistizio con il congiuntivo.

 

– Novità scottanti arrivano sul caso della morte di Giulio Cesare. Sembra infatti che il condottiero sia morto in verità per una diarrea fulminante, ma la storia aveva bisogno di un eroe e non dell’ennesima conferma sul potenziale devastante del passato di prugne in salsa piccante. La celeberrima frase: “Quoque tu, Brute, fili mi?” (“Anche tu, Bruto, figlio mio?”) pare fosse una semplice curiosità riferita al fatto che il figliastro di Cesare avesse mangiato con il patrigno la sera prima.

 

– Il Presidente della Commissione Parlamentare d’inchiesta sulle Stragi ha riaperto il fascicolo riguardante l’attentato alla Stazione di Bologna. Subito richiuso al termine della cagata.

 

 

Posted in Inattualità | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Piccola Raccolta delle Battute Penose

Posted by sdrammaturgo su 17 ottobre 2007

Quante volte le avrete sentite? Quante? Sempre le stesse, ripetute senza sosta, incessantemente, in ogni occasione. Nei baretti la fanno da padrone; le pareti di ogni bottega di barbiere ne sono impregnate; ogni ragazza ne è stata bombardata fin da piccola; anche durante le cene più insospettabili, spunta sempre il buontempone di turno che ne spara una e puntualmente si presenta qualcuno che ancora ci ride pure.

Sono loro: le battute trite e ritrite, quelle di cui si è persa completamente di vista la data di nascita, quelle per le quali sembra non esistere alcun autore, alcun anagrafe, tanto appartengono al patrimonio prontuaristico comune.

Di fronte a loro, si ha come l’impressione che si siano generate da sole, frutto di un disegno provvidenziale che ha visto bene di fornire materiale umoristico di largo consumo a chi si fosse trovato privo di strumenti sufficientemente efficaci in tal senso e permettere a chiunque di risolvere in allegria una serata in fraschetta, strappare una risata allo zio che si vede solo per Natale, attaccare bottone con uno sconosciuto sul treno.

Qualche volta le abbiamo amate e ce ne siamo impunemente serviti per cavarci d’impaccio in una situazione di imbarazzo in cui ci siamo trovati privi di argomenti; al contempo le abbiamo odiate, ci hanno nauseato, le abbiamo rigettate, per poi andarle a recuperare, strisciando ai piedi della banalità, quando l’alternativa era parlare del tempo.

Ora, per la prima volta nella storia del Pensiero Inutile, un team di scienziati specializzati, composto dai professori Alessandra Banale, Fulvio Tricheco, Irene Hecker, Publio Eugenio Sforza Visconti Doria Pamphilij Della Rovere e Claudio Zoppo, ha deciso di raccogliere in un’opera unitaria i più diffusi esempi di Battute Penose, tutti quei famigerati motti di spirito che vi hanno agghiacciato, annoiato, urtato ed infine metabolizzato tanto da non porci più attenzione.

Tale raccolta è stata portata avanti tenendo comunque ben presente il ruolo positivo di collante sociale e di provvidenziale terreno d’incontro fra persone diverse svolto da questo riciclato prontuario, e, pur senza ovviamente alcuna pretesa di completezza, tanto sterminato è il terreno di indagine, la presente ricerca, costata – nostro malgrado – anni di studio intenso ai limiti della sopportazione psico-fisica, si pone come obiettivo una certa esaustività in materia, lasciando l’infinito lavoro aperto a qualsiasi collaborazione di chi vorrà aggiungere altri nuovi reperti tralasciati che andranno ad integrare la monumentale collezione.

I curatori ci tengono a ringraziare tutti coloro i quali hanno dato il loro prezioso aiuto per la riuscita della presente raccolta e ringraziano fin da ora chi offrirà il proprio contributo.

Per la Scienza, per la Storia, per la Memoria, per la madonna che palle che c’hanno fatto ‘ste cazzate!


Per la Scienza, per la Storia, per la Memoria, per la madonna che palle che c’hanno fatto ‘ste cazzate!


“Quella ragazza mi piace” “Ma è fidanzata” “Embè?! Mica so’ geloso!”

“Com’è l’acqua?” “Bagnata.”

“Dai, di’ qualcosa!” “Qualcosa.”

“Ciao ragazzi, ci vediamo, e se non ci vediamo, accendiamo la luce.”

“Ciao, ci vediamo, e se non ci vediamo, speriamo sia per colpa tua.”

Portando in mano un libro spesso “Il peso della cultura…”

“Tutto sommato è un bravo ragazzo” “Sì, quando dorme!”

“Ahò, quella mica si trucca: si stucca! Anzi, si restaura!” “Sì, pare Moira Orfei!”

“Quello è talmente grasso che si fa prima a saltargli sopra che a girargli intorno!”

“Ti dimentichi sempre tutto! Ti scorderesti pure la testa se non ce l’avessi attaccata al collo!”

“Quant’è brutto quello! Sembra un quadro di Picasso”

“Lprespassn” “Eh?” “‘Sto cazzo!”

“Come ti sa questa cosa?” “Mah, non mi dice niente” “Anche perché non parla…”

“Ahò, se dai un’altra capocciata diventi intelligente!”

“Come va la ferita” “M’hanno messo sei punti: c’ho preso la tuta e il borsone.”

“Con quel naso che si ritrova se a tavola fa no con la testa sparecchia e se fa sì affetta il pane!”

“E che cazzo!” “Modera il linguaggio, ci sono dei bambini qui” “Capirai, questi te le insegnano loro le parolacce!”

“Te mica metti lo zucchero nel caffè! Te metti il caffè nello zucchero!” “E’ tanto amara la vita, lasciami almeno prendere il caffè dolce”

“Ma poi ti sei più operato?” “Ho fatto la riduzione del pisello: era troppo grosso”

Entrando d’inverno in una casa particolarmente gelata “Fa più freddo dentro che fuori!”

Sul treno “Qui si sale?” “No, se scende”

“Io sono acquario” “Io vergine” “Tu in tutti i sensi!”

Una ragazza sfiora per errore il braccio di uno ragazzo “Per caso sei scaramantica?” “Perché?” “Eh, tocchi ferro!”

“Ma che te buchi con l’acqua delle mozzarelle?! Ma che te sei fumato, ahò! Cambia spacciatore!”

Per sfottere uno con la riga in mezzo “Quello c’ha la testa a gettone telefonico!”

Ad un automobilista che svolta senza mettere la freccia “E che la metti a fa’ la freccia: la freccia la usano gli indiani”

Quando la macchina davanti va particolarmente piano “Questo sta andando ad un funerale”

“Certo che a te t’entra in culo ma non in testa!”

“Mi raccomando, stasera tutti davanti alla TV!” “Perché?” “Perché dietro non si vede niente”

“Mi sa che tu da piccolo sei cascato dal seggiolone”

“Te con i preservativi ci fai i gavettoni a ferragosto”

“Quello è così zerbino con le donne che c’ha scritto ‘welcome’ sulla schiena!”

Vedendo delle prostitute “Ma quelle non hanno freddo ad aspettare l’autobus così?”

“T’apro come una cozza!”

Vedendo uno con un cellulare molto grande in quanto datato “Quello che è, un telecomando?” o “Che va a gettoni?”

Ad un tipo spettinato “Ti sei pettinato con le miccette?” o “Hai preso la scossa?”

Ad un tipo con troppo gel sui capelli “Pare che t’ha leccato una vacca!”

“Non ci vedi e non ci senti: sei una talpa!”

“Ah stronzo!” “Guarda che per riconoscere uno stronzo ce ne vuole un altro, eh”

“Ma come hai fatto a non trovare ‘sta cosa così in bella vista?! Se era un cane t’aveva mozzicato!”

“Sei sicuro?” “Sì” “L’accendiamo?”

“Vaffanculo!” “Vacce e te e tre quarti della tua palazzina”

“Questo lo dici a tua sorella!”

“Te mi sa che sei frocio!” “Chiediglielo a tua madre se sono frocio” o “Portami tua sorella e te lo faccio vedere se sono frocio”

“Quelle sono le Tre Grazie: Grazia, Graziella e Graziealcazzo”

“Che ore sono?” “L’ora di ieri a quest’ora” o “L’ora che ti compri l’orologio”

Quando uno arriva con i pantaloni un po’ troppo corti sulla caviglia o ‘a pinocchietto’ “Ti si è allagata casa?”

Ad un automobilista che esita quando scatta il verde “I colori sono finiti, eh…”

Quando il verde al semaforo non arriva mai “‘Sto semaforo è verniciato”

“Ammazza quanto sei astuto! Che ti mangi pane e volpe?”

“Quanti anni ha?” “Venticinque” “Seee, per gamba!”

“Hai una sigaretta?” “Sì” “Hai anche da accendere?” “Vuoi anche che te la fumi io?”

A qualcuno che chiede troppe cose “Una fetta di culo tagliata vicino all’osso la vuoi?”

“Quella è bruttissima” “Vabbè, dai, se le metti un cuscino in faccia (o una busta in testa, N.d.R.) si può fare” o “La fica è tutta uguale”

“Quello è troppo basso” “L’uomo si misura in centimetri” o “Da sdraiati siamo tutti uguali”

“‘Sta macchina è uno scaldapizzette”

“‘Sto motorino è uno scaldabagno”

“Rambo, levati la fascetta, ché il film è finito!”

“Hai le orecchie foderate di prosciutto?”

“Hai il prosciutto sugli occhi?”

“Quello ha la testa solo per spartire le orecchie”

“Quello ha un occhio che manda a fanculo quell’altro”

“Hai il fisico da lanciatore di coriandoli” o “da soffiatore di minestrine” o “da giocatore di scacchi”

“Col naso che si ritrova la carta d’identità non gli si chiude”

“Ha due orecchie così grandi che ci capta il segnale radio”

“Ah fate! Ah fate schifo!”

“Amo’! Amo’! Ah mostro!”

“Ammazza che alito! Ma che ti mangi, i bambini morti con le scarpe da ginnastica?!” o ” Ma che ti mangi, i topi morti?!”

Alla cameriera per fare i fighi dopo aver scolato in fretta una bottiglia “C’hai portato la bottiglia bucata!”

Ad una commessa “Quanto costa? Sei anche tu compresa nel prezzo?”

“Come si fa?” “Come gli antichi”

“Vuoi fare sollevamento pesi? Alzami il cazzo”

“Quella è sarta: sarta da un cazzo all’altro”

“Non siamo noi ad essere razzisti: sono loro che sono negri!”

Riferendosi ad una persona di colore “Quello è incazzato nero” o “Ammazza quello quant’è abbronzato!”

“Quella lì hai un culo che fa provincia”

“Ho i calzoni così sporchi che tra un po’ stanno dritti da soli e camminano”

“E’ uscito meglio Pinocchio con una sega che te con una trombata”

“Era meglio che tuo padre si faceva una sega quella sera”

“Ma che ti credi, che Gesù Cristo sia morto dal freddo?”

“Faccio prima a farti un vestito che a portarti a cena”

Ad una persona che mangia moltissimo “Da quant’è che non mangiavi?!” o “Hai il verme solitario!” o “Sembra che non hai mangiato mai!”

A qualcuno particolarmente panciuto o ad una donna incinta “Guarda che il cocomero si mangia a fette…”

“L’hai guardata talmente tanto che ci hai lasciato gli occhi su quelle tette!”

“Quello ha due occhiali che sembrano fondi di bottiglia!”

Quando qualcuno sgassa in auto od in moto “Facci con il culo!”

“Sei proprio sfortunato! Tu devi andare a Lourdes!”

“Sono stato a Lourdes” “Trovato chiuso?”

“Hai una cartina?” “Ti sei perso?”

“Quella lì la violenterei” “Tsk, quella ti violenta lei! Se ti prende il cazzo non lo rivedi più!”

“Quella per scoparla ci vogliono tre giorni di ferie e due di malattia” o “ci vuole la superiorità numerica!”

“Guarda che mi incazzo!” “Embè? Fai due fatiche”

“Ti riduco così male che nemmeno tua madre ti riconosce”

Sull’aereo “Capo, apri il finestrino!”

Vedendo una macchina di lusso parcheggiata “Sai, l’ho lasciata qui…Passami le chiavi”

“Allora?” “Sessanta minuti”

“Quella non è brutta: è simpatica”

“Il fumo uccide lentamente” “Tanto non abbiamo fretta”

Ad uno che sta montando qualcosa “Ti sono avanzati i pezzi”

“Sei così magro che se tira vento ti porta via”

“Parla più forte” “Mica sono un megafono!”

“Questa non è una battuta, è una schiacciata”

Quando il treno si ferma lungo il percorso “Abbiamo bucato”

“Come stai?” “Seduto”

“Un applauso” “Clap”

“Eccì!” “Salute” “Che se ne va”

“Etciù! Ecciucciamelo!”

“Carino, quello lì. Peccato sia un po’ piccolo…Va be’, è un C.B.C.R.: cresci bene che ripasso”

A cena da un amico “Ho mangiato davvero bene!” “Ora ti porto il conto”

“Prego, siediti” “No, grazie, sto in piedi, ché devo crescere”

“Ti senti bene?” “No, grida più forte”

“Mi dai un bicchiere d’acqua?” “No, scusa, ce ne ho solo di vetro o di plastica”

Ad una persona che hai i calzoni sgarrati “Hai fatto a botte col gatto?” (battuta usata anche all’indirizzo di qualcuno con i capelli particolarmente arruffati, N.d.R.)

Ad uno con una catena o fibbia borchiata come collana “Ti hanno messo il collare? Il guinzaglio dove lo ha lasciato?”

“Mi fa male il braccio” “Troppe seghe!”

“Tu da che ti mascheri per carnevale?” “Io sono già mascherato così”

“Che aspetti a toglierti la maschera? Il carnevale è finito”

“Quando si ubriaca è proprio pazzo!” “Quello è così pure da sobrio”

“Ahò, ma io bevo e voi vi ubriacate?!”

“Mangi più della Democrazia Cristiana!”

“‘Sta macchina mi costa quanto una figlia femmina”

“Ammazza quanto fumi! Sei una ciminiera”!

“Conosci l’undicesimo comandamento? ‘Fatti i cazzi tuoi”

“Io te lo presto, ma si chiama Pietro…”

“Quando ti sposi? L’otto: lotto per non sposarmi”

“Voglia di lavorare saltami addosso…”

“Maria De Filippi è il marito di Maurizio Costanzo”

“Hai preso la patente?! Un nuovo pericolo pubblico! Da oggi col casco pure a piedi!”

“La patente l’hai presa con i punti del Fruttolo?!”

“Mi sono laureato in medicina!” “Un altro con licenza di uccidere”

In occasione di un diciottesimo “Ora che sei maggiorenne puoi andare in galera!”

“Ammazza quanto mangi! Ma tua madre non ti dà da mangiare?”

Detto da quello a cui al ristorante portano per ultimo il piatto o si dimenticano di portarlo “Io sto a dieta”

Ad una brutta “Ah bella de notte!”

Quando qualcuno si mette davanti ostacolando la visuale della persona dietro “Sei bello ma non sei trasparente”

“Prendimi questo. E anche questo. E anche questo” “Vuoi che ti faccia la spesa?”

“Mi dicono dalla regia…”

“Se non sono matti non ce li vogliamo”

“Se non sono complicate non ci piacciono”

Quando qualcuno ci mette troppo a fare qualcosa “Guarda che uno c’è morto…”

“Dopo tre sgrullate è pippa”

A tavola “Adesso che si mangia tutti zitti, eh!”

“Questa pietanza si mangia con le mani” “Io pensavo si mangiasse con la bocca”

“Ammazza che tette piccole! Quella non c’ha nemmeno la prima: c’ha la retromarcia!”

“Ti cambio il piatto?” “No, tanto poi nello stomaco si mischia tutto”

“Se continui così, ti raccogliamo con il cucchiaino”

“Io suono il pianoforte” “Io al massimo il campanello!”

“Caspita quanto pesa queste valigia! Cosa ci hai messo, un cadavere?!”

Quando al ristorante tardano a portare la pizza “Sono andati a cogliere il grano”

“Non fare la preziosa, ché ti si rubano”

“In questo traffico ci puoi morire di vecchiaia”

“Oh, con te ci vuole il dizionario Nome dell’interlocutore-Italiano Italiano-Nome dell’interlocutore

Posted in Sepolture previe risate, Tu' Zio | Contrassegnato da tag: , , , , | 2 Comments »

Notiziario rapido

Posted by sdrammaturgo su 10 ottobre 2007

– Garlasco: scaricabile sul cellulare la suoneria con le grida di Chiara Poggi mentre viene accoltellata da Bruno Vespa.

 

– John Bobbit, il marito della famosa Lorena, dalla quale venne evirato, metterà in scena la sua prima pièce autobiografica di gusto shakespeariano: “Ho perduto il pene dell’amor”.

 

– Arrestato giovane nel padovano con l’accusa di essere albanese.

 

– Prodi dichiara: “Ora serve un grande Partito Democratico”. Sarà Forza Italia.

 

– Putin, non potendo più rinnovare il mandato da Presidente, si candiderà come Primo Ministro. Due le condizioni perchè questo possa accadere: “Russia Unita deve vincere le elezioni” – ha spiegato il capo del Cremlino – “e il nuovo presidente deve essere una persona decente, capace e moderna con cui io possa lavorare”. Si fanno i nomi della salma di Joseph Stalin e della sedia a dondolo della nonna di Putin.

 

– Eletto a S.Marino Capo dello Stato disabile. Ma non è la prima volta al mondo: gli U.S.A ce lo hanno da un pezzo.

 

– Uomo colpito da amnesia si dimentica di respirare e muore soffocato.

 

– Perugia-Assisi: in duecentomila alla marcia per la pace. Per la Questura è la Rieti-Poggio Bustone.

 

– Secondo un recente sondaggio, grazie a Roberto Benigni è aumentato del 5% il numero dei giovani che amano Dante. Tuttavia, l’85% continua a preferire la figa.

 

– L’associazione Gesù al Centro ha organizzato in Piazza del Popolo a Roma il primo torneo di “biliardino umano”, in cui sono gli stessi giocatori a fare da pedine per quest’innovativo calcio balilla gigante. I boy scout si inventerebbero qualsiasi cosa pur di non trombare.

 

– Arrestata la farfalla che provocò lo tsunami del 2004.

Restando in tema di reazioni a catena, ne approfitto per chiedere scusa ai famigliari delle vittime dell’undici settembre: perdonatemi, ma proprio non avrei mai pensato che si potesse arrivare a tanto, quel giorno, con quella scoreggia.

 

– Durante una passeggiata, un ragazzo ha avuto un’illuminazione e ha scoperto il senso della vita, ma subito dopo è stato investito ed è morto.

 

– Stasera scende in campo la Nazionale contro la Georgia. Occhi puntati sul fantasista Di Natale, trascinatore dell’Italia in questo suo periodo di forma smagliante, che purtroppo pochi giorni fa ha perso la madre, ma sembra che giocherà lo stesso per dare il proprio supporto alla squadra. Sentiamo le sue dichiarazioni: “Mah, sì, di mamma ce n’è una sola e perderla è sempre brutto. Comunque il Purgatorio è ancora lungo e se continuiamo a lavorare come abbiamo fatto finora, possiamo ambire ad una promozione in Paradiso. Ringrazio il mister e tutti i compagni che con le loro preghiere mi hanno aiutato molto. La squadra sta facendo bene e di sicuro i gironi sono alla nostra portata”.

 

– Caso De Magistris: il Guardasigilli Clemente Mastella respinge ogni accusa di voler trasferire il giudice per allontanarlo dal proprio lavoro che darebbe fastidio ai piani alti: “Non mi sono mai sognato di fare fuori un valente magistrato. Per quello semmai ci penserà la ‘Ndrangheta”.

 

– Secondo una recente ricerca scientifica, se si riempisse uno stadio di noccioline, sarebbe una perdita di tempo pazzesca.

 

– Il Premio Nobel per la Pace va ad Al Gore. Un giusto risarcimento per lui, dopo il suo immeritato fallimento nella corsa al Telegatto.

 

Posted in Inattualità | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Bifolchi ad Alta Velocità

Posted by sdrammaturgo su 5 ottobre 2007

Tempo fa pubblicai questo scritto. Molti rimasero sbigottiti, molti altri increduli di fronte allo struggente amarcord della mia prima giovinezza trascorsa nella provincia rurale della Tuscia.
Lo so, sono ben cosciente del fatto che per chi sia cresciuto negli agi della città risulti difficile comprendere certe dinamiche socio-esistenziali caratteristiche dei territori ai margini della civiltà.
Nelle selvagge lande dell’Alto Lazio, la vita è una sfida continua alla capacità di sopravvivenza dell’uomo. Si vive all’estremo, tutto viene spinto al massimo; si sta sempre sul crinale dell’abisso, sul filo dello sganassone.

Ricordo bene la mia infanzia e la mia adolescenza: misere creature eravamo noialtri che ci ritraevamo vigliaccamente dalla quotidiana battaglia per la supremazia nella mandria di ominidi ruspanti preferendo la squallida comodità dei libri e del rock al perfezionamento della forza bruta e dell’abilità motociclistica.
Già, la rispettabilità andava guadagnata sul campo, e per campo intendo risse e motorini.
I veri eroi erano coloro i quali potevano vantare un vasto curriculum di pestaggi con esito trionfale ed ineguagliabili conoscenze, competenze e capacità in ambito motoristico.
A loro spettava il ruolo di Guardiani del Senso Comune, per conservare il quale punivano severamente il peccato di ubris: fare lo sveltone costava caro, molto caro. Bastava un adesivo troppo sgargiante sulla bicicletta che non incontrasse il favore della Commissione dei Bulli per poter dire addio al proprio tanto amato mezzo di trasporto.
C’erano ferree regole non scritte e per qualsiasi cosa serviva il tacito consenso dall’alto.
E chi eri tu, con quel misero motorino dalle prestazioni scadenti, con quei modi da signorino, con quel fisico gracile, per opporti ai giganti delle due ruote, ai re del destro in bocca, agli dei del carburatore e della capocciata?!

Sì, bisogna essere adatti alle condizioni di vita estrema del paese.
Tutto avviene in un lampo e per cavalcare un fulmine bisogna essere svelti come una saetta: bisogna essere un Saettone.
E’ quando Dylan McKay ed Albano Carrisi entrano nell’Homo di Neanderthal e tutti e tre vanno alla Sagra della Ventresca che nasce il Saettone.
Per lui la boccata sciacquadenti è un credo, la modifica al motorino uno stile di vita, la piega in curva una metafora del proprio essere, Malossi e Polini i veri marchi del Potere.
Se la vita è un brivido che vola ed è tutto un equilibrio sopra la follia, se I’m blue da ba dee da ba die, se la fica è fica e non è ortica, il Saettone salta in sella al suo Booster con marmitta rigorosamente a corto e via, sfreccia verso orizzonti di gloria, verso autostrade per l’inferno, verso nuovi campi da zappare, nuovi fagioli con spuntature del maiale da divorare.
Egli si nutre di rapidità così come si ciba di porchetta; egli non teme rivali, giacché non conosce il significato della parola rivale; se egli sente parlare di rivalità, pesta chi ha proferito quel termine, perché potrebbe essere un lemma offensivo e non si sa mai.
Il vento è suo fratello, la strada sua sorella, Gigi il Carrozziere suo zio.
Ogni sua impennata è una tempesta che malmena i secoli e le ere; ogni cuo ceffone è appunto un ceffone che gonfia di legnate uno sventurato che ha osato guardare male.

Ed io, come potevo competere io con questa forza della natura, con questo corsaro dei tornanti, con questo terrorista della grammatica?!
Se non ci fossimo incontrati io e lui in quella Guantamano campagnola chiamata Liceo Classico “Leonardo da Vinci” di Montefiascone, saremmo stati entrambi due ragazzi molto soli, poiché mentre noi, poveri, vili, miserabili inetti, sognavamo Che Guevara e Kurt Cobain, il Saettone si abbatteva come un uragano sul Tempo e sullo Spazio, li dominava a suon di sgassate e sganassoni, imponeva il proprio possente Io sulla Storia e sulla Natura.

Ma le parole non bastano a rendere l’idea del titanico splendore del Saettone: servono le immagini.
Ecco, mentre io e lui strimpellavamo “Polly” su una chitarra scordata, il Saettone faceva questo

 

A te appartiene l’eternità, o Bifolco ad Alta Velocità!

Posted in Paesaggi di Passaggio | Contrassegnato da tag: , , , | 1 Comment »

“Universi Microscopici” 4 – Piccolo Mondo Disco

Posted by sdrammaturgo su 1 ottobre 2007

Locandina Discoteca

Appendice: quesiti sugli insondabili misteri discotecari

Perché i DJ hanno sempre nome da tamarro e cognome da ragioniere?

Perché, quando c’è la selezione all’entrata, l’arbiter elegantiae è un bifolco anello di congiunzione tra l’orango e il macaco?

Perché esiste la selezione all’entrata?

Perché chi conosce il vocalist è più ggiusto?

Perché chi conosce il DJ è ggiustissimo?

In base a quali caratteristiche e competenze vengono selezionati i vocalist?

Chi fu il primo vocalist ad urlare: “Alzi le mani chi vuole fare all’amore stanotte!”?

Cosa spinge un uomo ad appuntarlo da dietro ad una donna in pista con l’intento di conquistarla?

Il circoletto dagli otto ai novantadue tamarri intorno a due ragazze che ballano è una sorta di rituale dell’accoppiamento?

Chi ha inventato le luci che rendono fosforescenti le camicie bianche?

A quale scopo servono delle luci che rendano fosforescenti le camicie bianche?

Chi ha inventato le camicie bianche?

Perché un omaccione deve ridursi ad assumere movenze da ingegnere tarantolato al fine di rimorchiare?

Chi ha convinto gli omaccioni che assumendo movenze da ingegnere tarantolato si rimorchi?

Perché alcune donne la danno ad omaccioni che assumono movenze da ingegnere tarantolato?

Lo scarso quoziente intellettivo è richiesto ai DJ da curriculum?

Perché le donne mutano l’espressione facciale in una posa ieratica allorché si mettono in fila per entrare?

Perché chi salta la fila viene guardato con invidia ed ammirazione?

Chi è l’addetto al marketing che mette in giro la voce secondo cui nel tale posto ci sarebbe “La Fica” con l’obiettivo di calamitare più coatti ottenebrati dal testosterone possibile?

Perché “La Fica” viene nominata come se fosse un’entità astratta?

Chi sono gli autori dei testi di musica dance?

Quali sono i modelli letterari dei suddetti autori?

A chi si deve attribuire la responsabilità dei cocktail quantomeno discutibili a dieci euro?

Perché ci sono individui che pagano dieci euro per un coktail?

Le cubiste sanno che la loro professione ha un nome ridicolo?

Le ragazze immagine sanno di essere un gradino sotto le squillo di basso bordo?

Perché milioni di uomini continuano ad andare in discoteca anche se non hanno mai cuccato?

La speranza non muore nemmeno dopo la dodicimilanovecentotrentottesima volta in cui non si è battuto un chiodo?

Quante prostitute avrebbe potuto pagare un inetto danzerino con tutti i soldi spesi per andare in discoteca?

Perché lasciare un cappotto in guardaroba costa quasi quanto il biglietto d’entrata?

Perché molte persone continuano a pagare il guardaroba se per i gestori del locale esse valgono quanto i loro cappotti e viceversa?

Ma soprattutto: esiste una vita oltre il privé?

Tutti interrogativi che forse non avranno mai risposta, che superano l’umana capacità di raziocinio; enigmi che sfuggono alla semplice ricerca scientifica e si inabissano tra le nebbie dell’ignoto. Chi siamo? Da dove veniamo? Perché viviamo, se poi dobbiamo essere importunati da un PR con la cresta e la felpa a stelline?
Ci sono cose più grandi di noi. Ad esempio il buttafuori.

Posted in Universi microscopici | Contrassegnato da tag: , , , | 1 Comment »