Beati i poveri, perché moriranno prima

“Sonetti del barbiere libertario” 2

Posted by sdrammaturgo su 15 aprile 2010

Il barbiere innamorato
*
*

Lo veggo che ‘l monno adè pieno de sorca,
ma che posso fà si me piace una
sola, ch’è bella, ‘ntiliggente, bruna,
simpatica, de porso e pure porca?

Certo, si guardo ‘na fica m’arrazzo,
ma subbito si penso a annà a scopà
le penso co’ lee e nun se pò fà.
E guasa me vorrebbe strappà ‘l cazzo.

Amo una sola e una m’arrapa
e questa me vo’ meno de ‘n curtello
in panza. E nun c’è peggio dolore,

perché al senso de morte nel core
ce se mette pure ‘l mal dell’ucello.
Co’ ‘n’antra ‘n ce vo: è mejo ‘na rapa.

2 Risposte to ““Sonetti del barbiere libertario” 2”

  1. Gisy said

    Monogamia pura!

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger cliccano Mi Piace per questo: