Beati i poveri, perché moriranno prima

Archive for luglio 2011

Suggerimento per un pestaggio

Posted by sdrammaturgo su 8 luglio 2011

*

Mi dispiace non conoscere l'indirizzo dell'autore: mi è avanzato dell'antrace e buttarlo è un peccato

*

Il cavallo è la massima espressione di perfezione raggiunta dalla natura.
E’ il cavallo l’apice dell’evoluzione, non certo l’essere umano, che con il suo sopravvalutato pollice opponibile è riuscito al massimo a scommetterci sopra dei fogli di carta con impressi volti e valori numerici al fine di supplire col fervore ciò che manca all’intelletto.
L’essere umano, nella sua infinita miseria, non si avvicinerà mai alla bellezza, alla potenza, all’eleganza del cavallo.
La Divina Commedia, la Cappella Sistina, il Requiem di Mozart, non valgono messi insieme una pisciata a caso di un puledro qualsiasi.
E’ per invidia che il cavallo è sempre stato l’animale più schiavizzato dall’uomo: usato come mezzo di trasporto, attaccato ad un aratro come traino da lavoro, sfruttato come intrattenimento sportivo, imprigionato, mangiato.
Negare la libertà al cavallo, danneggiarlo, prima ancora che uno scempio per l’Etica, lo è per l’Estetica.
Il primo luglio, in una delle prove del Palio di Siena, un irripetibile esemplare di questo ineguagliabile capolavoro è morto per il diletto di banali, inutili, dannosi esemplari di homo sapiens colpevolmente vivi.
Il Palio di Siena è un test di intelligenza: se ti piace, sei imbecille.
Come dice il fraterno amico Fulvio, “fa sembrare il tifo calcistico una cosa intelligente”.
Lo dimostra l’articolo del mai troppo pestato giornalista, il quale rivoluziona l’etologia attribuendo ai cavalli addirittura il sentimento dell’onore agonistico.
Questo innovativo scienziato ignora che – sempre citando Fulvio – “un cavallo in gara non corre: scappa”. Ma soprattutto trascura un aspetto fondamentale: gli equini non sono così stupidi da avere valori tanto miserabili come l’onore agonistico.
Io auguro a tutti i sostenitori di questa tortura ludica di poter seguire il prossimo Palio di Siena comodamente assisi su una sedia a rotelle, oppure distesi in panciolle su un lettino di terapia intensiva. O, perché no, ancora meglio, l’ideale sarebbe dall’alto dei cieli, tanto è perlopiù tutta gente battezzata e cattolica, quindi quale gioia più grande della “morte per Dio e in Dio”?
Lancio dunque una proposta semplice semplice nell’unico linguaggio che può essere compreso dagli amanti del Palio di tutto il mondo:

Ogni cavallo, dieci senesi.

D’altronde bisogna venire incontro a chi ha fatto una così coraggiosa scelta radicale di imbecillità estrema.

*

Annunci

Posted in Il vegano sgarbato | Contrassegnato da tag: , , , , , , , , | 33 Comments »