Beati i poveri, perché moriranno prima

Archive for the ‘Sonetti del barbiere libertario’ Category

Co.co.pro.fagia

Posted by sdrammaturgo su 12 marzo 2012

Dalle vetrate dell’Inps, prigioniero,
vedo la fregna che passa di fòri.
Loro nun guardano ne ‘sto maniero,
che pare che dice: “Si entri, mòri”.

E certo noi qui dentro nun sem vivi:
lo spirto nostro è ‘n cumulo de stracci,
morente non per valli, non per clivi,
ma ne ‘sto scatolone de poracci.

E intanto passa in fretta Gran Falcata
e subito l’insegue Veste Scura;
incrocia entrambe Assorta Pensierosa

lumando di beltate la giornata.
Tra le scartoffie, ad ogni scollatura,
il grigio mal si mescola col rosa.

*

E fanno bene a corre lontano,
via da ‘sto posto, ‘sta desolazione,
ché nun attizza chi tende la mano
pe’ l’assegno de disoccupazione.

Van dal musico, dal ricercatore,
oppur dall’ingegnere o ‘l collo bianco;
da chi je dà ‘n futuro, no ‘n par d’ore,
da chi che de campà nun è mai stanco.

E nu’ le biasimo né le condanno:
li fiori nun ponno stà sott’a ‘n sasso.
Nun s’ha da stà co’ l’ansia pe’ ‘l mattino:

la vita comoda è mejo d’affanno.
Li sacrifici buttate a lo scasso,
a ricchi e belli legate il destino.

*

In questa vita che ce danno a nolo,
io, cattivo pagante, ne ‘sto mondo,
con quel che costa, te posso offrì solo
la fila a la posta. E intanto grondo

tra l’Inail che te manda al Caf dell’Ente,
il Caf al Caaf, il Caaf al Patronato,
e tutta ‘sta fatica deprimente
pe’ prende l’elemosina de Stato.

Lui t’affama, t’abbevera ‘l nemico.
Me rubi cento e poi me dai due o tre
e inventi ‘sto sistema che ciascuno

nun vede ‘l Principe, ma ‘n timbro e ‘n plico.
A dominatte è sempre qualche re,
eppure nun te domina nessuno.

*

Con me ‘l timor del carcere funziona:
si nun vo a rubbà a li macellari
è sol pe’ la paura d’esse Giona
‘nculato nei cetacei giudiziari.

Eh, si adesso me vedessero l’ècchese…
Dirìan: “Che culo mannatte a fanculo!”
E poi: “Dura lècchese sedde lècchese”
E legge vuol che si bastoni il mulo.

Ah, l’amori iti… Una ha fama,
io ho fame; due son con benestanti.
Insomma, per tutte grosso successo.

Io sto qui: lì la fica, qui la brama,
co’ ‘sto vetro a separà le passanti
da li stronzi che intasano ‘sto cesso.

*

“Eppure ce parevi promettente.
Ma lo vedi come te sei ridotto?”
La vita, se sa, è ‘na gran fetente:
te trovi fallito in quattr’e quattr’otto,

in coda a ‘no sportello pe’ ‘n contratto
che n’ t’hanno rinnovato. Sei ‘no schiavo:
dell’esistenza t’hanno fatto ratto
‘l padrone e quello che je dice: “Bravo”.

Ed ecco che lì fòri, tutte belle;
qui dentro, oppure al Centro pe’ l’Impiego,
ce so’ la grassa, la zoppa, la muta

co’ la prole, che je diresti a quelle:
“Io proprio davvero nu’ me lo spiego:
ma che te dice ‘sta capoccia astuta

*

d’annà a appioppà a ‘n’ artra pora persona
la stessa vita tua che fa schifo?
Brutta la sua, la tua meno bona.
Famija, scòla, dio, lavoro e tifo:

così ‘l Governo t’afferra pe’ l’ano,
te strizza la palle, cuce la sorca.
Si voj fà la guerra, sta’ sul divano;
si voj libertà, no fiji, più porca”

Noi semo brutti, bassi, tozzi e calvi;
lo sborro nelle palle è sol veleno:
nun va diffuso come inquinamento

e i non mai nati tutti fatti salvi.
De vita in povertà se ne fa a meno.
Nun me pare ‘na grazia ‘sto tormento.

*

Ecco, questo è ‘l banchetto del Potere:
ce stamo assisi, nun potemo arzacce;
qui la miseria, lì le fregne vere;
e guardele, ‘ste zinne, che bisacce!

E ‘l vetro manna pure ‘l mi’ riflesso
e quello de quest’artri sciagurati.
Da solo me guardo e me dico: “Fesso”
La gara a chi so’ più diseredati.

La vita è ‘na mela, ce dan la scorza.
Lo chiamano progresso, Social Patto.
A me me pare solo ‘na pazzia.

T’hanno fatto mette a ssede pe’ forza,
t’han detto: “Magna. È bono ‘sto piatto
de mmerda? Se chiama Democrazia”

*

Annunci

Posted in Sonetti del barbiere libertario | Contrassegnato da tag: , , , , , , , , , , , , , | 16 Comments »

“Sonetti del barbiere libertario” 8

Posted by sdrammaturgo su 2 febbraio 2012

Alle superbe schiave

*

Impiegata che vai a manifestà
e dici: «Escort? ‘N par de cojone!
Io so’ contro la mercificazione!»
e quell’ott’ore chiami libertà:

ma nu’ lo sai che tu se’ ancor più cosa?
Che pe’ ‘l padrone che te tiene ansante
tu conti tale e quale a la stampante?
Tu presti per danar il corpo a iosa:

dai occhi, mani, testa, piedi e core
e nun c’è alternativa a la fatica.
L’istesso vale poi pe’ l’operaia,

docente, chirurga, schiave de paja.
Che differenza c’è tra orecchie e fica?
Sol quella che pretendono le sòre.

La troia “sanza onore”?
Guadagna più, lavora meno e tromba.
Tu mòri in un ufficio ch’è ‘na tomba.

*

Posted in Sonetti del barbiere libertario | Contrassegnato da tag: , , , , | 14 Comments »

“Sonetti del barbiere libertario” 7

Posted by sdrammaturgo su 27 marzo 2011

S’io nun vojo fà ‘n fijo è perché t’amo.
Ché chi de te nun je ne frega ‘n cazzo
pòe stà sicura che t’imprena a razzo.
Me premi più tu che ‘l pròleo richiamo.

Te vojo risparmià dolori e doje
e ‘l mutuo e ambasce e “n’ posso” e “‘l fijo sta male”:
sei libera de fà quel che te cale.
Per me tu nun sei mamma e nun sei moje

né donna: per me tu sei tu, amata,
no ‘n forno pe’ fà lievità lo sborro.
Nun crede al prete, a’ filmetti, al datore:

serena e fresca, son tue le ore,
e nu’ sfiorisci e nun devi dì “corro”,
perché alla morte ce vai riposata.

‘Na madre è schiavizzata:
tutte pensono d’esse l’eccezione
e se ritrovan cojonate e prone.

 

Posted in Sonetti del barbiere libertario | Contrassegnato da tag: , , , | 9 Comments »

“Sonetti del barbiere libertario” 6

Posted by sdrammaturgo su 15 febbraio 2011

Matrimonio è mercimonio
*
*
*
Ma sae la peggio zoccola chi è?
Quella che dice: “Prima de scopà
devo capì si proprio tiene a me,
si no nemmanco je la fo annusà”,

perché vor dì che lee nun scopa aggratis
e certo manco al fin del piacer suo,
ma pe’ vergà a la sera con un lapis:
“L’ammonto dell’affetto è cento e duo”.

Tu che fai la daziosa proteggendo
la fica e di lei intendi in senso a “dare”,
controlli contraccambio e quotazione

e in Borsa di Passione dici: “Vendo”.
Per te li sentimenti son danare
e più che gode voj retribuzione.

Tu spregi le battone,
ma, lungi di ch’il fa pe’ pane e paja,
ben peggio tu de core se’ merciaja.

 

Posted in Sonetti del barbiere libertario | Contrassegnato da tag: , , , , , , , | 11 Comments »

“Sonetti del barbiere libertario” 5

Posted by sdrammaturgo su 30 gennaio 2011

Venustà e vetustà: l’estate riscalda l’inverno, l’inverno svilisce l’estate

*

Fanciulla nel fiorir della tua estate
nun te fa seccà ‘l prato da ‘sto vecchio;
e tu che se’ in inverno da parecchio
rinuncia a ‘sta fiorente venustate.

Vecchiaia adè veleno a giovinezza.
Le grandine rovinono le petole.
So ben, nun senton maschere le fregole,
ma adè ‘na cosa seria, la bellezza.

E’ facile parlà da concistore,
lo so, et ov’è placet, sermo è gnente.
La voja nun conosce le stagione:

magara, avendo anch’io ‘l testosterone,
pure si spero d’esse resistente,
sarò ‘l primo da vizzo a volé ‘n fiore.

Al vetustar dell’ore
si vène ‘na virgulta che me vòle
è dura dì: “T’inquino, nun se pòle”.

 

Posted in Sonetti del barbiere libertario | Contrassegnato da tag: | 3 Comments »

“Sonetti del barbiere libertario” 4

Posted by sdrammaturgo su 23 gennaio 2011

La corona del Re Solarium

*

*

‘L problema nun so’ l’orge: è ‘l potere.
Fà l’orge è bello assai co’ le mignotte,
e pe’ mignotte intendo chi de notte
s’appresta a quel ch’è giusto, ch’è ‘l piacere,

o de mattina, ‘nsomma quanno vòle,
e come dove quanto e con chi pure.
E si lo fa pe’ solde e proprie cure
nun è da men di chi pe’ passion sòle.

Mignotta è cosa bona: vor dì sciorta.
Chi l’usa come offesa adè ‘n poraccio,
ner senso de lo spirto e sale ‘n capo.

Ner senso der cojon, persin Satràpo
appresso a Cerusìco ed a Bravaccio
e tanto a Professor Coscienza Corta

*

e me barbiero e muratore stracco
invece troie sem come le dette:
e che forse noe l’ore benedette
p’avecce ‘n po’ de pane ed un bivacco

nu’ le passamo all’opra a prestà ‘l corpo?
Che sia fica, la mano od il cervello
sempre ‘l corpo usi, e ‘n padroncello
ar guinzajo te spreme come ‘n porpo.

‘L guaio è que’: in proprietà privata
lavori pe’ pagà ‘l gioiello a ‘n altro,
e pure chi comanna è schiavo a sé,

ché sempre presto s’arza come te
– nemmanco si lo stesse a inseguì ‘n veltro –
pe’ conservà la via privilegiata.

*

Ma tosto per tornar alla quistione,
parlavo del monarca che se sbatte
di più le cortigiane, regie batte,
che del su’ regno, e spregia commistione

*

con noi, che semo simili in catene.
E allora io te dico, sommo sire:
a me me piace ‘l fatto che tu mire
di più alle belle fregne che alle pene

di cui vuol farci ricchi gente in saio;
e pure dico brave alle puttane
che fanno storce ‘l naso a puritane
che gridono: “Donnacce!” co’ ‘n abbaio

oppure: “Poverelle, triste sorte”.
Ma allor, si ciò te preme, via cravatta!
Proclama: “Basta ordini e governi!”

e fa’ con noi d’estate i tristi inverni.
E via, più gnuno schiavo ch’arrabatta
pe’ giunge in bella cassa al dì di morte.

*

E gnudi in superficie e non sotterra,
ché nun è mai vergogna d’esse tali,
e tutti alfin contenti a trombà uguali.
Non dee più la fanciulla che rinserra

disio de fà la scesa in senso inverso
sognà lustrini sciocchi che tu j’offri.
E come gode lei, tu manco soffri.
E più nun viene detto ch’è ‘n perverso

chi ama pijallo ‘n culo o leccà ‘l cesso.
Se scopa pe’ scopà, no pe’ carriera,
e pure si pe’ scambio, gnuno è sopra.

E nun c’è più morale che te copra
né sòra che te salda la cerniera,
niun patto tra re e papa a famme fesso.

*

Ma a te guardà nell’occhi nun te piace
le pecore che poe te van sbranando.
A pecora va ben, ma pari stando;
e invece ce voj servi su la brace.

*

A te te piace stà sopra ‘n artare
e sotto a batte cassa donne astute,
magari brave, forse sprovvedute,
o acce, ma comunque nun so’ pare.

Chi dice che ‘l castel ha d’ess’austero.
Io dico che ‘l castel nun c’ha da essa
e vojo il bacchetton sott’a ‘na pressa
e mazza e topa sanza più mistero.

Io questo te contesto: nel palazzo
te chiudi e rubi a noi che semo fori
e in nomine de dio ce sfrutti e castri

e ricco de zinnone e d’alabastri
consideri ogni ben tuoi sol tesori.
E dici: “Io so’ io e tu n’ se’ ‘n cazzo”.

*

E dunque che se trombi mascherati,
ma tutti, l’operai e li notari,
e gnuno che ce tratti da scolari
a dicce: “O la famiglia oppur dannati!”.

Ma peggio de la corte è chi in cortile
muggisce e vuol opporti la crianza,
e fiero de sei fiji in una stanza
propone pudicizia co’ la bile.

L’abbronzatura sia pe’ libertà
e no pe’ trae in inganno a chi ce casca;
le donne a venti o trenta diano ‘l culo,

si vonno; ‘l frocio possa, gnun sia mulo.
Nessuno sia sol carne ch’altri pasca;
si trombi: né trombon né sacertà.

*

Posted in Sonetti del barbiere libertario | Contrassegnato da tag: , , , , , , , , , , , | 6 Comments »

“Sonetti del barbiere libertario” 3

Posted by sdrammaturgo su 20 novembre 2010

Io penso che all’omo che se spaura
quanno la fica vo’ ‘l cazzo e le dice
vole dì che la fica nu’ je piace,
si no la fava je venia più dura.

Io dico che se l’è fatta piacé
perché si no diceono ch’era recchia,
ché lue ce crede a ‘sta stronzata vecchia
che nun poe essa frocio pe’ valé.

Ora io te dico, caro rigazzo,
co’ ‘sta stronzata ce stai a rovinà:
pe’ n’ essa troia, si prima la dava,

io fo le pippe e lee fa la schiava.
Dunque essi libbero e pensa a trombà:
nun è ‘n problema si te piace ‘l cazzo.

 

Posted in Sonetti del barbiere libertario | Contrassegnato da tag: , , , , , , , , , | 2 Comments »

“Sonetti del barbiere libertario” 2

Posted by sdrammaturgo su 15 aprile 2010

Il barbiere innamorato
*
*

Lo veggo che ‘l monno adè pieno de sorca,
ma che posso fà si me piace una
sola, ch’è bella, ‘ntiliggente, bruna,
simpatica, de porso e pure porca?

Certo, si guardo ‘na fica m’arrazzo,
ma subbito si penso a annà a scopà
le penso co’ lee e nun se pò fà.
E guasa me vorrebbe strappà ‘l cazzo.

Amo una sola e una m’arrapa
e questa me vo’ meno de ‘n curtello
in panza. E nun c’è peggio dolore,

perché al senso de morte nel core
ce se mette pure ‘l mal dell’ucello.
Co’ ‘n’antra ‘n ce vo: è mejo ‘na rapa.

Posted in Sonetti del barbiere libertario | Contrassegnato da tag: , , , | 2 Comments »

“Sonetti del barbiere libertario” 1

Posted by sdrammaturgo su 1 novembre 2009

So’ la rovina de ‘sto monno qua
mica la guerra, la fame, la stalla,
ma l’omo che nun je piace leccalla,
la donna che nun je piace succhià.

Si nun te piace lavatte de sborro
o infradiciatte la faccia de fregna,
pe’ forza te piace spaccà la legna
e accade ‘sta cosa: «Cucina!» «Corro!».

Si nun te piaciono le cose belle
vor di’ che te piaciono le cazzate:
marcette, machine, cristi, corone,

le cose che arricchiscono ‘l padrone.
Libbertà passa pe’ pompe e leccate:
pe’ incarceratte te levano quelle.

Posted in Sonetti del barbiere libertario | Contrassegnato da tag: , , , , , , | 5 Comments »