Beati i poveri, perché moriranno prima

Archive for the ‘Tu’ Zio’ Category

Logica vs. Legge – Lotta di classe in treno

Posted by sdrammaturgo su 9 maggio 2011

Treno Orte-Roma Tiburtina.
Il Passeggero Razionale constata che la seconda classe è piena. Va avanti ed arriva al vagone di prima classe, completamente vuoto, fatta eccezione per quattro o cinque posti occupati.
Si siede ed inizia a leggere un libro.
Arriva il Controllore.

CONTROLLORE Biglietto prego.

Il Passeggero Razionale mostra il biglietto.

CONTROLLORE Questo però è di seconda classe, qui siamo in prima.

PASSEGGERO Lo so, ma in seconda classe era tutto pieno, ho visto che questo vagone era vuoto e mi sono messo qui.

CONTROLLORE Ma lei qui non può stare.

PASSEGGERO Ma non c’è nessuno.

CONTROLLORE O paga il supplemento o se ne va.

PASSEGGERO Visto che mancano venti minuti all’arrivo, non potrei restare?

CONTROLLORE No, non può. Ci sono delle regole da rispettare.

PASSEGGERO Ma non ho tolto il posto a nessuno che abbia legittimamente diritto. Per dire, se arrivasse un passeggero con il biglietto di prima classe e reclamasse il mio posto, proprio questo nonostante tutti gli altri siano liberi, lo cederei, naturalmente. Ma questa è una tratta breve di appena mezz’ora, non ci sono fermate intermedie, chi doveva salire è già salito, quindi non solo non ho danneggiato nessuno, ma non c’è neppure la possibilità che io possa danneggiare qualcuno da qui a fine corsa. E, ripeto, anche se dovesse materializzarsi dal nulla un passeggero di prima classe che volesse il mio posto, me ne andrei. Ma ci sono solo quelle quattro persone laggiù.

CONTROLLORE Mi sta prendendo in giro?

PASSEGGERO No. Sto solo dicendo che non ho di fatto rubato niente a nessuno.

CONTROLLORE Insomma, le regole sono regole. I passeggeri di prima classe hanno diritto alla loro privacy.

PASSEGGERO (sbigottito) Ma non sto mica in braccio a loro! Né li sto importunando o ascoltando i loro discorsi!

CONTROLLORE Queste battute non le sopporto. I passeggeri di prima classe devono avere la loro tranquillità.

PASSEGGERO Ma quali battute?! Potrei capire se stessi ascoltando musica a tutto volume. Ma sto leggendo un libro in silenzio, non do fastidio a nessuno. Mi scusi, ma se sale un passeggero del tutto identico a me con un biglietto di prima classe, si siede qui e si mette a leggere un libro come sto facendo io, cosa cambia ai fini della tranquillità dei passeggeri là in fondo? Dubito che percepiscano nell’aria la presenza di un povero. Oppure se io stesso ora tiro fuori un biglietto di prima classe o pago il supplemento e poi continuo a fare le stesse cose che stavo facendo prima, cosa muta nella loro condizione? In che modo posso ledere la loro privacy o la loro tranquillità ora e smettere di farlo automaticamente non appena estraggo un biglietto più costoso di quello che ho?

CONTROLLORE Non faccia lo spiritoso. Ecco, vede? Laggiù nel vagone di seconda classe ci sono due o tre posti liberi.

PASSEGGERO Sì, ma ci sono di mezzo borsoni e valigie, per sedermi dovrei scavalcare alcuni passeggeri, farne scansare degli altri, far spostare le cose a qualcuno. Così facendo sì che disturberei la quiete di alcune persone. Mentre se rimango qui, nessuno viene turbato dalla mia presenza.

CONTROLLORE E se tutti facessero come lei? Se tutti quelli di seconda classe si mettessero in prima perché è vuoto?

PASSEGGERO Beh, a parte che è un problema che non si pone vista l’improbabilità dell’evenienza, ma va bene, radicalizziamo la questione: seppure tutti quelli in possesso di un biglietto di seconda classe si sedessero in prima e si alzassero qualora salissero passeggeri di prima classe lasciando loro il posto che spetta di diritto a chi ha pagato di più, andrebbe più che bene, direi.

CONTROLLORE Ah ecco, quindi facciamo che ognuno fa come gli pare e non conta più la differenza tra prima e seconda classe. Questa è una sua idea, però!

PASSEGGERO Ma non sto facendo un discorso politico sull’abolizione delle classi e l’uguaglianza. Il mio è un ragionamento puramente logico e pragmatico. Ecco, vede? Ora che io mi sono alzato, non è che al mio posto si è seduto un passeggero con un biglietto di prima classe, visto che non ce ne sono ed il vagone è completamente sgombro: è rimasto vuoto. Dunque, vuoto per vuoto, non è meglio che ci si sieda qualcuno?

CONTROLLORE No!

PASSEGGERO Ma scusi, i sedili sono fatti per le persone. Così stiamo facendo fare un viaggetto a delle poltrone vuote! Che senso ha?! Guardi, il vagone è vuoto, ci sono solo quattro o cinque persone per una cinquantina di posti!

CONTROLLORE C’è una regola e va rispettata.

PASSEGGERO Ma la regola deve essere tale in quanto giusta, non è che è giusta in quanto regola. Poi esistono anche il buonsenso, l’applicazione e l’interpretazione volta per volta.

CONTROLLORE La legge è la legge.

PASSEGGERO Ho appena capito che la legge serve a dare un motivo di vita a chi non ne ha di migliori.

CONTROLLORE Lei ha un motivo di vita?

PASSEGGERO Migliore di questo.

CONTROLLORE Arrivederci.

PASSEGGERO Arrivederci.

Annunci

Posted in Tu' Zio, Vita vissuta mio malgrado | Contrassegnato da tag: , , , , , , , , , | 27 Comments »

Le tre prove dell’idiozia umana

Posted by sdrammaturgo su 19 febbraio 2009

1) Il nudo-solo-in-spiaggia

Tra tutti i retaggi più insulsi di matrice religiosa che l’essere umano civilizzato si porta appresso merita senza dubbio un posto di riguardo la ridicola ed inspiegabile vergogna per il nudo.
Perché mai infatti dovremmo vergognarci di mostrare il pene, la vagina, il seno, il sedere e non il mignolo, il mento, il polso, il ginocchio? Non sono forse tutte ugualmente parti del medesimo corpo?
E’ buffo pensare che se fondassi un credo che considerasse peccaminosa l’esposizione solo del collo e della fronte e la mia confessione prendesse piede conquistando buona parte del mondo, tra qualche centinaio di anni sarebbe possibile vedere in giro tutta gente ignuda con la sciarpa e la bandana, mentre chi si mettesse una maglietta lasciando la testa a prendere aria verrebbe considerato un matto, un insolente, uno svergognato.
Basta, da oggi ho deciso che il gomito mi offende non poco, quindi esigerò la pudicizia da chiunque imponesse alla mia vista quello spregevole osso spigoloso e proporrò un disegno di legge che punisca severamente per atti osceni tutti quelli che se ne vadano in giro con il gomito scoperto. E che è, non se ne può più con questi gomiti di fuori.
Dove però l’assurda imbecillità di tale convenzione sociale del buon costume tocca vette sconvolgenti è in quello che chiameremo il fenomeno della spiaggia.
Non ho mai capito infatti perché se sto in mutande in spiaggia va bene, è tutto normale, ci stanno tutti e nessuno ti guarda male; se esco in piazza in mutande, mi arrestano. Addirittura, l’essere umano, per ingannare se stesso, sulla spiaggia chiama mutande e reggiseno con un altro nome: costume. Strano, eppure a me sono sempre sembrati i medesimi indumenti atti a coprire zinne, cazzo, fica e culo.
Non solo: in spiaggia anche il topless è accettato come naturale. Ma appena una ragazza senza il pezzo di sopra mette un piede fuori dal perimetro che delimita la spiaggia, si entra nell’ambito del reato contro la pubblica moralità. Il tutto nello spazio di cinque centimetri, quelli in cui finisce la sabbia e comincia la strada. Inoltre, nessuno fa troppo caso all’eventuale passerona a tette al vento. Sì, magari qualche sguardo interessato lo attira, ma è niente in confronto agli occhi tra lo sbalordito e l’allupato che le si appiccicherebbero addosso qualora lasciasse intravedere anche solo un quarto dell’aureola del capezzolo in un locale od al supermercato.
Mi chiedo: che cambia? Non sono sempre poppe? Per di più, non sempre le stesse poppe?
L’imperativo della variazione di tolleranza e dell’adeguamento a seconda del contesto (dal “c’è modo e modo” al “c’è luogo e luogo”) manca quindi totalmente di razionalità, non ha alcun pro ma soltanto contro, poiché fomenta pure valori pregiudiziali e repressione.
Eppure è largamente condiviso e sono in pochissimi a farci caso. Ergo, l’essere umano è in vasta maggioranza idiota.
*
*

2) L’abito adatto

Strettissimamente connessa alla prima prova è quella dell’abito adatto. Indescrivibile è lo smarrimento e la tristezza che l’intelligente prova di fronte alla deprimente regola prettamente formalista per cui “bisogna indossare l’abito adeguato ad ogni determinata occasione”. Che se alle poste l’impiegato che mi mette il timbro ha un kimono invece che giacca e cravatta, il timbro non si imprime ed il bollettino non parte.  Che cambia se a teatro vado in ciabatte invece che in frac? La musica non la sento uguale? Non v’è alcuna logica, nessuna funzionalità.
I più accettano tranquillamente come legge non scritta normale ed anzi buona e giusta la famigerata tiritera per cui “se vai ad un colloquio di lavoro, devi vestirti in un certo modo, altrimenti fai una brutta impressione”, permettendo in siffatta maniera che tale aberrazione della ragione perduri e si fortifichi.
In che modo infatti una maglietta od una giacca od un par de carzoni possono apparire sconvenienti? “La tua camicia rappresenta una mancanza di rispetto nei miei confronti”; “che screanzato, presentarsi qui con le scarpe azzurre invece che marroni!”; “mi sono sentito ingiuriato da quel cappotto”.
Una specie che ha partorito una simile gabbia dell’apparire merita senza dubbio l’estinzione per manifesta cretineria.
*
*

3) I gioielli

Una volta, uno, ha preso un sasso più lucido degli altri, lo ha portato ad alcune persone ed ha detto loro: “Ecco, ho deciso che questo sasso vale molto, se lo possiedi diventi qualcuno, quindi se mi date molti beni e molto denaro io vi do questo sasso che non serve a niente, non si mangia, non funge da utensile, non riscalda, non protegge”. Le altre persone non si sono lasciate sfuggire l’affarone ed hanno coperto di ricchezza il paraculo in cambio del sercio. E’ così che sono nate le pietre preziose.
Cosa c’è di più stupido del concetto stesso di gioiello? Quale convenzione più disarmante di quella che ha conferito del tutto arbitrariamente altissimo valore ad oro, argento, platino, diamanti?
Ogni signorotta che sfoggia fiera la collana di brillanti, ogni signorotto che porta con orgoglio un orologio d’oro, costituiscono per me un insondabile mistero.
Praticamente alcuni poveracci vessati vanno a cercare dei sassi. Altri altrettanto poveracci prendono quei sassi e li lavorano sgrezzandoli, pulendoli e dando loro una qualche forma ed uno stuolo di benestanti li brama. Perché vuoi mettere, un sasso in tasca o sul comò ti cambia la vita. E non è finita qui: chi è meno benestante, finisce per invidiare sperticatamente i possessori di quei sassi ripuliti. “Uff, beati loro, anch’io vorrei qualche sasso”. D’altronde, questo fenomeno sconcertante si sposa con il concetto altrettanto desolante di status symbol.
Ho deciso di svoltare: spargerò in giro la voce che il brecciolino è una cosa sublime e se ce l’hai sei qualcuno. Quindi andrò a farne incetta nelle buche della strada e lo rivenderò “a peso d’oro”, giustappunto. Qualcuno avrà certamente da obiettare: “Eh, ma il valore delle pietre preziose dipende dalla loro rarità e soprattutto dalla difficoltà di reperirle”. Benissimo, vorrà dire che getterò il brecciolino in un canyon, dopodiché manderò una squadra di specialisti a recuperarlo e, quando con fatica lo avranno riportato, sarò miliardario. Poi mi butterò sul nascente mercato della ghiaia di lusso e su quello fiorente dei sampietrini eleganti.
Immagino già il successone: “Cara, per il nostro anniversario ti ho regalato questa collana di brecciolino” “Ommiddio, non ci posso credere! Grazie, chissà quanto ti sarà costata! La sognavo da sempre! Ti amo”; “Capirai, quello è ricco sfondato. Hai visto che anello di sampietrino che c’ha?”; “Sei davvero una persona impagabile, un uomo eccezionale, un ragazzo di ghiaia, guarda”; “Non puoi capire, mi ha regalato l’anello di fidanzamento! Tutto tempestato di sassetti di brecciolino!”; “Primo premio, una parure di sampietrini con collier di ghiaietta da giardino dal costo di centocinquantamila dobloni”. Nel Klondike partirebbe una forsennata corsa al brecciolino.
Talvolta, un sasso da riporre in un cassetto di un mobile della casa ha un prezzo superiore a quello della casa. Curioso, no?
Un’umanità per cui un sasso giallo vale più di una zucchina è un’umanità oggettivamente deficiente.

Posted in Tu' Zio | Contrassegnato da tag: , , , , , , , | 10 Comments »

Amore di nonna

Posted by sdrammaturgo su 26 dicembre 2008

Sottotitolo: Non è un caso se si chiama nonnismo.


Di mamma ce n’è una sola. Di nonne invece ce ne sono talvolta anche due.
L’amore è raddoppiato, l’incremento di affetto è notevole.
Qualche anno fa è morta mia nonna materna. Donna pia (ma pia forte), non si è mai persa una messa, un rosario, un vespro, una novena. Una vera professionista del triduo, una stakanovista dell’orazione, una recordwoman dell’angelus. Tutti i giorni in chiesa, seguendo pedissequamente ogni dettame cattolico, chiedendo sovente la consulenza del frate per non correre il rischio di commettere qualche peccato nascosto nel condimento troppo arrogante dei rigatoni. Mai una parola fuori posto, nessun moto che potesse sembrare vagamente superbo, mai una maldicenza, mai una presa di posizione. Tutta votata a mitezza, umiltà, passività totale, dedita solo al Signore ed alla famiglia, di un’ingenuità disarmante. E’ morta senza credere all’esistenza del fax. Eh, santa donna. A quest’ora si sarà già resa conto della fregatura.
Chi è ancora ben in salute è invece mia nonna paterna: smaliziata, una che sa come va il mondo, donna di carattere, un tipo giovanile (perlomeno rispetto alle matriarche della prima colonia fenicia).
Ah, quanto le devo! Quanta dolcezza, quanta tenerezza, quanto orgoglio ha sempre dimostrato nei miei confronti fin da piccolo! Come quella volta in cui, bambino, me ne stavo con il mio ruspantissimo amico Fiore ad analizzare e commentare l’orto della pòra Ada. “Oh, ha piantato dieci finocchi, sono tanti!”, dissi. “Macché, so’ pochi”, corresse prontamente il mio rustico ed esperto sodale. Amorevolmente, intervenne mia nonna a stabilire una volta per tutte la verità: “C’ha ragione Fiore: so’ pochi, lui sì che ce capisce, tu che ne voj sape’?”.
E poi, crescendo, quando si avvicinava l’età per prendere il motorino, lei era lì, pronta a rassicurarmi: “Nonna, vado a fare un giretto con il Dingo del nonno, tanto sono capace” “Ma quando mai, nun sei bbono”.
E più maturavo io, più aumentavano il suo calore umano e la sua stima per il suo diletto nipote. Una volta, approssimandosi gli anni della ragione, stavo conversando con un paio di amici sui segreti della giovinezza: “Sento che è come se non fossi mai stato adolescente, come se fossi passato immediatamente dalla preadolescenza all’età adulta”. Subito mi fece eco lei, la mia cara ava: “Ma quale omo, che sei un regazzino, sei”.
Finché arrivò anche il momento del primo amore: i diciotto anni, e con essi, la mia prima vera fidanzata. Alta, bella, magra e soprattutto figlia di dottore: a mia nonna capitò di conoscerla e non le parve vero. “Tienitela stretta, che a te quando te ricapita?”.
Così pure quando tre mie amiche particolarmente avvenenti, eleganti ed intelligenti vennero a passare un fine settimana con me nel mio paese d’origine: mia nonna le vide e volle subito mostrare la propria sterminata ammirazione verso di me (della quale peraltro non aveva mai fatto mistero): “Ma pensa un po’… Mica pensavo che tu ci potessi avere amiche così belle”.
Oh, che preziosa cosa è stata il suo prendere sempre sul serio le mie idee, i miei pensieri, i miei valori! “Io non mangio carne, né alcun altro cibo di origine animale, poiché sono nemico della violenza, nutro uno sconfinato rispetto per l’alterità, sogno un mondo in cui l’etica prevalga sull’egoismo e l’avidità!” “D’altronde è l’età, ‘ste fissazioni so’ normali, voj esse a la moda. Bah, te passerà”.
Come dimenticare il suo ritenermi un gioiello, il migliore, unico? “Il nipote de la Rita ha fatto ingegneria, s’è laureato, è bravo tanto, mo’ lavora, guadagna bene… Mah, pure tu qualche cosa nella vita la combinerai…”. Fiducia che rinnovò (semmai ce ne fosse stato bisogno) sentendo parlare dei miei successi universitari: “Insomma dice che studi, dai l’esami, piji trenta… Mah, sarà vero…”.
Nonnina, nonnina mia, come sei buona, con quei tuoi sguardi affettuosamente rassegnati allorché mi dici: “Ma che farai là pe’ Roma… Pensa a fatte una posizione sociale, datte da fa’, dacce qualche soddisfazione”; quei tuoi insegnamenti così dignitosi, tipo: “Quando conosci uno potente, staje appresso, fatte vedé che ce sei sempre, portaje la borsa, passa avanti a quell’altri, che tanto per te nun ce pensa nessuno”; quella tua costante espressione delicatamente dubbiosa, quel tuo discreto scuotere la testa sconfortata come di chi crede profondamente in chi ha davanti.
Nonnina, nonnina mia, io ti guardo, ti vedo ancora così tanto vispa, arzilla, attenta e mi dico che ciò che conta è che sei ancora viva. Li mortacci tua.

Posted in Affetto da esistenza, Paesaggi di Passaggio, Sepolture previe risate, Tu' Zio, Vita vissuta mio malgrado | Contrassegnato da tag: , , , , , | 2 Comments »

Non servono politologi laureati

Posted by sdrammaturgo su 14 ottobre 2008

L’uomo del baretto ha ragione. L’uomo del baretto ha sempre avuto ragione. Cosa ci dice infatti l’usitata lamentela “è tutto un magna magna” se non che il potere è corruttore e chi lo detiene baderà ai propri interessi, forte dei vantaggi che il potere procura? Non esiste un potere buono: il potere è costitutivamente marcio, giacché chi brama il potere farà di tutto per conservarlo ed ampliarlo una volta raggiunto. Il principe gode a spese dei sudditi.
Il qualunquismo da baretto ha quindi un fondo (ed anche una superficie) di verità, la stessa verità – a ben vedere – di Rousseau, di Marx e di Foucault, solo ad uno stato più grezzo e seminale.
Il problema dell’avventore del baretto risiede però nel fatto che egli, quel potere, finisce per cementificarlo, incapace di compiere il salto verso la coscienza della liberazione. Altresì: si lamenta che tutti i potenti rubano, ma puntualmente finisce per votare il più ladro di tutti.
Il potere ha a che fare con il controllo ed all’uomo del baretto non dispiace essere controllato. Non ha voglia di stare a pensare a quali scelte potrebbe compiere, alle possibilità di vita che gli si parano davanti. Preferisce fare ciò che gli viene ordinato, immolando alla comodità della schiavitù i perigli dell’indipendenza consapevole. All’uomo del baretto il fascismo non è mai dispiaciuto.
Ma l’uomo del baretto, dall’alto della sua conoscenza vera della fatica dell’esistenza osservata dal basso, sa offrire chiavi di lettura della realtà che nessun politologo saprebbe sintetizzare meglio. L’uomo del baretto è quello che si alza tutte le mattine per spaccarsi la schiena a lavoro, quindi certe cose lo sa come funzionano. L’esperienza lo rende acuto, più di quanto egli sappia di esserlo.
Penso a mio nonno. Mio nonno ha fatto la terza elementare. Legge a fatica, scrive a malapena. Ha fatto il contadino, il cuoco, il custode. Non è di sinistra, ed a ben vedere neppure di destra. Forse crede in dio, ma non si pone granché il problema. Praticamente, non ha coscienza politica e filosofica di certi temi. Vive la sua piccola quotidianità di persona umile con nessun interrogativo sul mondo e la società e tanto gli basta. E’, insomma, tutt’altro che una mente speculativa. Ma nessuno come lui ha saputo spiegare meglio i meccanismi del potere e la questione della divisione in classi sociali.
In occasione delle ultime elezioni disse: “Mica posso vota’ Berluscone. Quello è mijardario e io nun c’ho ‘na lira. Tu l’hae visto mae ‘n signore che aiuta a ‘n poaretto?”.
Serve aggiungere altro?

Ma la frase più illuminante che io abbia mai sentito la formulò mia bisnonna.
Io ho la fortuna di poter vedere in prima persona e toccare con mano il salto generazionale favorito dal progresso economico. La storia italiana recente riassunta nella mia famiglia: una bisnonna totalmente analfabeta, che firma con la X, non è mai andata a scuola ed ha iniziato a fare la bracciante a cinque anni, ed il pronipote studente universitario. E’ una bellissima cosa che insegnerebbe a chiunque ad avere la chiara misura del corso degli eventi, dello sviluppo sociale, delle radici, del benessere e della povertà.
Grazie a mia bisnonna ho capito nitidamente come il nodo fondamentale del malessere umano risieda nella differenza di possibilità economiche. Altresì: la prima piaga, a cui seguono tutte le altre, è la separazione in chi possiede e gestisce la ricchezza e chi annaspa nella miseria.
Chi è costretto a vivere del proprio sudore e deve pensare ogni giorno a mangiare, sarà sempre alieno dai temi pur rilevantissimi della libertà, dell’autodeterminazione, della propria posizione nel consorzio umano. Per dirla più semplicemente: se non è scontato che ogni giorno potrai nutrirti, non hai tempo di pensare alla tua condizione particolare in relazione al mondo in cui vivi ed alla condizione umana in generale.
Mio bisnonno, il marito di mia bisnonna, era leggermente più istruito ed era uno dei pochi in paese a professarsi comunista. Non era facile essere iscritti al sindacato in una comunità dominata dai democristiani. Tant’è che perse più volte il lavoro ed i suoi figli dovettero andare a scuola altrove poiché non venivano accettati neppure negli istituti pubblici, governati com’erano dai cattolici.
Una volta chiesi a mia bisnonna se durante il fascismo avessero avuto maggiori problemi. Serbo ancora nella memoria quasi con commozione la sua risposta: “Nonna, mi sa che durante il fascismo per voi non dev’essere stato affatto facile, eh?” “Mah, io zappavo prima de Mussolini, ho zappato co’ Mussolini e ho continuato a zappa’ pure dopo Mussolini”.
Capito?

Posted in Dissestazioni, Tu' Zio | Contrassegnato da tag: , , , , , | Leave a Comment »

Controllori controllati, o della pericolosità di tuo zio

Posted by sdrammaturgo su 12 maggio 2008

Sottotitolo: il mondo si divide in due categorie: chi ha una dignità e chi fa il controllore.

Come espresso più volte in molti altri scritti, sono sempre stato convinto che i grandi problemi del mondo siano ravvisabili già a partire dalle piccole vicende della quotidianità, che fungono da miniatura esemplificativa di temi ben più vasti.
La mia condanna è un’accresciuta percezione delle cose che mi porta a scorgere continuamente mali enormi in ogni facezia in cui mi capita di incappare, risalendo subito, con un’occhiata ed un rapido volo pindarico, dal minuscolo all’enorme. I guai di nascere pessimista cronico con una spiccata sensibilità associata ad un furore politico ai limiti del parossismo. Risultato: un incessante rodimento di fegato senza la speranza nell’esaurimento delle viscere. Una sorta di supplizio di Prometeo riveduto e corretto a misura di studente spiantato, insomma.
Come se non bastasse, in inezie ad alto tasso di amplificabilità mi ci imbatto costantemente. Quando la sfiga si aggiunge a tutto il resto, cosa può un iracondo particolarmente portato alla rassegnazione?
L’ultima parva ma di riflesso macroscopica disavventura occorsami è fresca di giornata. Scenario: il treno. Già, sono reduce recente da uno scontro con il mio nemico naturale: Trenitalia, nella persona di tal Granito Michele, controllore.
La storia è questa: prendo il treno da Montefiascone per tornare a Roma; ad Attigliano dovrei prendere la coincidenza, ma il convoglio su cui viaggio è in ritardo e la perdo; devo quindi arrivare fino ad Orte e vedere se ce n’è un’altra; il mio biglietto è valido per i regionali, ma per il primo regionale per Roma dovrei aspettare due ore in stazione; vedo che c’è un intercity entro venti minuti e decido di salire su quello; peraltro tarda di quindici minuti anche l’intercity; onde evitare noie, neppure mi siedo e decido di fare il viaggio in piedi tra uno scompartimento e l’altro; arriva il controllore.

CONTROLLORE “Biglietto prego”

INTELLIGENTE “Ecco a lei. So che non è valido per l’intercity, ma purtroppo non è colpa mia: avrei dovuto prendere il regionale, ma a causa di un ritardo l’ho perso ed ho dovuto ripiegare su questo”

CONTROLLORE “Ora però deve pagare il supplemento”

INTELLIGENTE “Ma scusi, non posso mica pagare io per un disservizio vostro che mi ha danneggiato”

CONTROLLORE “Eh, lo so, ma è il regolamento”

INTELLIGENTE “Sì, ma se i treni fossero stati puntuali, io avrei viaggiato in regola”

CONTROLLORE “Purtroppo la coincidenza che lei ha perso non è ufficiale, quindi non può valere”

INTELLIGENTE “Sì, vero, ma siccome ci sono pochissimi collegamenti tra quella zona e Roma, è pratica abituale e favorita dallo stesso personale ferroviario considerare quella coincidenza al pari delle altre”

CONTROLLORE “Capisco, ma tra l’arrivo ad Attigliano del treno da Montefiascone e la partenza del treno da Attigliano a Roma Termini intercorrono solo tre minuti, mentre per essere coincidenza ufficiale ne servono cinque. Se fosse stata coincidenza ufficiale, il suo biglietto sarebbe stato valido anche su questo treno, poiché in quel caso sarebbe scattato il rimborso. In questo caso però la legge mi dice…”

INTELLIGENTE “Certo, c’è la legge, ma poi c’è anche il buonsenso. Lei dunque riconosce che io ho ragione, ma ha deciso lo stesso di applicare un regolamento assurdo ed iniquo quando invece potrebbe lasciar perdere”

CONTROLLORE “Ma questo è il mio lavoro”

INTELLIGENTE “Qualcuno sta forse sorvegliando il suo operato?”

CONTROLLORE “No, ma devo comportarmi per forza così. E’ sufficiente che lei mi paghi il supplemento”

INTELLIGENTE “Fosse anche un solo euro di più, non ho alcuna intenzione di pagare”

CONTROLLORE “Allora mi tocca farle la multa”

INTELLIGENTE “Bene, vedrò di contestarla domani stesso, rendendo noto all’azienda che non intendo assolutamente pagare neanche un centesimo per qualcosa che dipende da un disservizio dell’azienda medesima e di cui sono stato vittima”

CONTROLLORE “Prenda la multa, mi dispiace”

INTELLIGENTE “Arrivederci”

Ora, dov’è la questione di carattere generale e ben più grave desumibile da quella che risulterebbe altrimenti una trascurabile sciocchezzuola? Il controllore Granito Michele (è bene fare i nomi dei vili) si è comportato da perfetto schiavo che sospende il proprio giudizio per attenersi ciecamente a quello che gli hanno detto di fare. In questa occasione, infatti, egli avrebbe potuto benissimo affidarsi al proprio criterio, ed invece, pur comprendendo che a rigor di logica non ero io ad essere in torto, non è riuscito a far altro che attenersi ad un copione prestabilito, impostogli ed autoimpostosi, applicando pedissequamente un regolamento che egli stesso reputa sciocco e tralasciando il quale non sarebbe incappato in alcun tipo di guaio.
Quel controllore non era un mostro, non era un arrogante presuntuoso fanatico: era un ragazzo gentile ed educato, che mi è sembrato persino sinceramente rammaricato per il fatto di dovermi muovere una sanzione; era però così intrappolato nel suo ruolo da non riuscire ad immaginare una soluzione diversa, una via alternativa e personale rispetto a quella prevista dalla veste appiccicatagli addosso ed accettata passivamente senza porsi dubbi.
Ecco, guardando quel controllore incapace di utilizzare la propria facoltà di discernimento, io ho visto tutte le aberrazioni del genere umano. Ho visto i totalitarismi, ho visto gli stupri di gruppo, ho visto Auschwitz. Esagerato? Forse. Ma forse no. Mi spiego. In fondo, la sottomissione e l’adeguamento sono i presupposti per ogni infamia. Quel semplice controllore, un ragazzo come tanti, un uomo qualunque, obbediva a quanto gli era stato detto, anche quando poteva e magari voleva fare diversamente senza tema di effetti collaterali. Ebbene, è grazie a persone come quella che i dittatori trovano terreno fertile e campo agevole; è grazie a chi non si pone domande ma si limita ad eseguire che vengono perpetrati i più efferati abusi.
Mi sono chiesto cosa avrebbe fatto quel tale se fosse nato in un’altra epoca, avesse trovato lavoro come sentinella su una torretta di un lager e, invece di riflettere in maniera indipendente e secondo senno, si fosse limitato ad eseguire gli ordini.
Non c’è peggiore aguzzino di un servo. Hitler è niente senza i kapò. In ogni situazione limite di crudeltà, sono sempre in pochi quelli veramente coscienti di ciò che succede, alcuni dei quali guidano la sopraffazione a loro vantaggio, mentre gli altri la combattono. I più, soggiacciono al determinato stato di potere in cui hanno in sorte di ritrovarsi.
Tra quelli che sono soliti chinare il capo e conformarsi esistono ovviamente vari gradi di violenza ed aggressività. La personalità ed il carattere contano, non tutti possono essere egualmente feroci. Ci sarà così chi materialmente spargerà il sangue, chi sarà addetto a sistemare gli elenchi dei deportati nei fascicoli e chi si limiterà ad occultare e negare.
Ma gli ultimi non sono meno colpevoli e meno pericolosi dei primi: i loro rapporti sono di interdipendenza. Non può esistere alcun carnefice senza un comune cittadino che gli cucia o gli lavi i vestiti. Non c’è differenza tra un boia ed il suo sarto.
Ecco, io in quel mite controllore ligio al dovere, incapace senz’altro di fare del male e nuocere fisicamente ad alcuno, non ho visto altro che un potenziale collaborazionista di un regime, un complice di una possibile barbarie.
Il male è banale. I nemici ce li abbiamo intorno. Non hanno i denti aguzzi, non sono perversi o sadici, non sono genii del crimine. Sono i nostri zii, i nostri cugini, i nostri conoscenti. Sono quelli che fanno sempre e solo ciò che viene loro imposto, che si adattano, che smarriscono il loro Io nella massa informe.
Credo sia fondamentale imparare a badare di meno ad Hitler e concentrare una maggior attenzione sul cameriere che gli rassettava la camera.

Posted in Tu' Zio, Vita vissuta mio malgrado | Contrassegnato da tag: , , , | 5 Comments »

Panegirico della bestemmia – Blasfemia è libertà

Posted by sdrammaturgo su 19 marzo 2008

“Per carità, io sono ateo e di certo non ho in simpatia la chiesa, ma la bestemmia proprio non la tollero, è una mancanza di rispetto nei confronti di chi crede”.
Questa frase perseguita da sempre ogni antiteista attivo, tanto da essere diventata una sorta di mantra da democrazia da asporto, un motto di civiltà a misura di supermercato, ammantato di verità, equità, giustizia, saggezza. Altresì, un luogo comune.
Il termine rispetto è notoriamente già di per sé quantomai delicato e labile; sovente, poi, viene confuso pericolosamente con una fattuale disparità di trattamento tra posizioni equivalenti nella loro legittimità benché opposte nelle concezioni.
La bestemmia cade appieno nel secondo caso (laddove per bestemmia intendo la blasfemia nel senso più lato possibile, dalla semplice imprecazione al raffinato attacco colto contro il divino).
L’equivoco parte probabilmente dal pregiudizio nei confronti del sentimento dell’odio. Lungi dall’essere considerato normale o financo sano e nobile, l’imperativo assolutista della moderazione impone che l’odio venga caricato soltanto di connotazioni negative. L’odio è il negativo per eccellenza ed in virtù di ciò va respinto in ogni caso. Dunque esprimere amore è sempre cosa buona e giusta, mentre esprimere odio disdicevole ed inopportuno.
Eppure dovrebbe essere evidente come non ci possa essere amore sincero e sentito per qualsiasi cosa senza una profonda controparte di odio consapevole. Qualche esempio facile facile: non ci può essere amore per la pace senza odio viscerale per la guerra. L’alternativa sarebbe: “Amo la pace, desidero la pace, ma siccome non odio la guerra, se proprio volete bombardare, abbiate almeno l’accortezza di farlo pacatamente. Massimo rispetto, comunque”. E via dicendo: non ci può essere amore per la solidarietà senza odio per il menefreghismo; non ci può essere amore per la natura senza odio per chi inquina, etc.
L’odio si configura allora come il moto d’animo cardinale in un individuo socialmente costruttivo.
L’atto di stabilire una volta per tutte quali valori siano consentiti e quali ripudiati porta un solo nome: totalitarismo.
Sotto il fascismo, chi manifestava il proprio amore per Mussolini era nel giusto e benvoluto; chi al contrario mostrava il proprio odio, a qualunque livello, subiva pesanti punizioni.
Il meccanismo è il medesimo di quello che si riproduce nella diffusa repulsione nei confronti della bestemmia.
Perché mai l’espressione d’amore per dio (tramite preghiera o quant’altro) viene accettata e la manifestazione di odio (attraverso la bestemmia) scandalizza ed indigna?
“Beh, in quel caso si offende qualcosa di molto importante per tantissime persone”. E non si pensa mai al fatto che la preghiera offende allo stesso modo un ateo, o perlomeno offende chi come me si sente ferito dalla sospensione del giudizio critico e dalla superstiziosa credulità che trasforma il pensiero magico e la mitologia in sapere certo ed assodato con il risultato di conseguenti crimini ed abusi di cui la storia è pregna.
“Ma se tu bestemmi dio, per un credente è come se ingiuriassi una persona a lui cara”. Ma se un credente nelle sue preghiere afferma l’esistenza di un capellone vergine palestinese che cammina sull’acqua, tramuta una materia in un’altra e guarisce i malati con la sola imposizione delle mani, per me è come se ingiuriasse, che so, Bertrand Russell od altri grandi ed infangasse la memoria di quelle persone che hanno dato la vita per la ricerca e per me hanno l’identico valore affettivo e di “autorità” che può avere dio per un religioso.
“Non è precisamente la stessa cosa. Che fastidio ti dà se uno prega e tesse le lodi della divinità?”. Mi dà molto fastidio se qualcuno inneggia all’abbrutimento ed all’inebetimento. Ma potrei rigirare la domanda: “Che fastidio dà ad un religioso se io bestemmio e denigro Cristo o chi per lui? In fondo non faccio che enunciare la mia opionione discordante e non posso farci alcunché se la mia opinione comporta un assalto verbale diretto dai toni anche volgari”.
Dunque il presunto rispetto che verrebbe violato dal bestemmiatore si rivela piuttosto a senso unico: io devo consentire ad un religioso di esternare la natura del proprio credo, mentre il religioso può permettersi di riprendermi qualora io esterni la natura del mio. E per me, antiteista, la blasfemia è uno degli aspetti principali del mio sistema di pensiero.
Ricapitolando: se io bestemmio, manco di rispetto al credo di un fedele; ma se a me viene impedito di bestemmiare, si manca di rispetto al mio credo ateo antiteista che si esplicita anche per mezzo della blasfemia; se io dico: “Sia maledetto iddio”, un religioso si sente offeso; ma se un religioso dice: “Sia benedetto iddio” mi sento offeso io. Ostacolare il mio atto di bestemmiare è sicché una mancanza di rispetto nei miei confronti e nei confronti di quello in cui credo io. Allora come la mettiamo?
“Ma se credi non devi bestemmiare proprio perché credi e se non credi non ha senso che tu bestemmi. Dunque perché bestemmi?”. Tralasciando l’acutissima risposta: “Pe’ datte fastidio” che lessi su una vignetta tempo fa, rispondo: l’ateo antiteista blasfemo non bestemmia tanto dio, quanto l’idea di dio in quanto cristallizzazione di aberrazioni della ragione quali schiavitù, sottomissione, dogma, fede cieca nell’indimostrabile, sonno narcolettico indotto ed autoindotto dello spirito analitico, obbedienza priva di riflessione indipendente, impulso congenito alla sopraffazione.
Certo, con l’odio da solo non ci si fa alcunché. Va elaborato alla luce di una piena coscienza oppure non è che vuoto livore senza obiettivo. La bestemmia da sola, insomma, serve a poco, altrimenti un avventore a caso di un baretto a caso della Tuscia potrebbe essere reputato un campione della filosofia d’opposizione contro l’ultraterreno. Però, la bestemmia, al suo stato più basso e basilare, è l’equivalente del primario impulso di disprezzo nei confronti di un’autorità dispotica ed illogica, il grido istintuale del popolano stanco delle angherie del sovrano.
La scusa della maleducazione, della sconvenienza, dell’indecenza del turpiloquio, non è che una trappola con cui il pensiero dominante ed i suoi sostenitori tentano – riuscendoci – di ingannare i loro avversari dissidenti rendendoli censori di loro stessi.
Io rivendico quindi il mio diritto ad odiare, a dare sfogo all’essenza delle mie convinzioni fondate sul disprezzo verso la dittatura del sovrannaturale, esattamente come lascio che qualcun altro levi a dio il proprio canto d’amore, caposaldo del proprio essere.

Posted in Dissestazioni, Tu' Zio | Contrassegnato da tag: , , , , | 30 Comments »

Piccola Raccolta delle Battute Penose

Posted by sdrammaturgo su 17 ottobre 2007

Quante volte le avrete sentite? Quante? Sempre le stesse, ripetute senza sosta, incessantemente, in ogni occasione. Nei baretti la fanno da padrone; le pareti di ogni bottega di barbiere ne sono impregnate; ogni ragazza ne è stata bombardata fin da piccola; anche durante le cene più insospettabili, spunta sempre il buontempone di turno che ne spara una e puntualmente si presenta qualcuno che ancora ci ride pure.

Sono loro: le battute trite e ritrite, quelle di cui si è persa completamente di vista la data di nascita, quelle per le quali sembra non esistere alcun autore, alcun anagrafe, tanto appartengono al patrimonio prontuaristico comune.

Di fronte a loro, si ha come l’impressione che si siano generate da sole, frutto di un disegno provvidenziale che ha visto bene di fornire materiale umoristico di largo consumo a chi si fosse trovato privo di strumenti sufficientemente efficaci in tal senso e permettere a chiunque di risolvere in allegria una serata in fraschetta, strappare una risata allo zio che si vede solo per Natale, attaccare bottone con uno sconosciuto sul treno.

Qualche volta le abbiamo amate e ce ne siamo impunemente serviti per cavarci d’impaccio in una situazione di imbarazzo in cui ci siamo trovati privi di argomenti; al contempo le abbiamo odiate, ci hanno nauseato, le abbiamo rigettate, per poi andarle a recuperare, strisciando ai piedi della banalità, quando l’alternativa era parlare del tempo.

Ora, per la prima volta nella storia del Pensiero Inutile, un team di scienziati specializzati, composto dai professori Alessandra Banale, Fulvio Tricheco, Irene Hecker, Publio Eugenio Sforza Visconti Doria Pamphilij Della Rovere e Claudio Zoppo, ha deciso di raccogliere in un’opera unitaria i più diffusi esempi di Battute Penose, tutti quei famigerati motti di spirito che vi hanno agghiacciato, annoiato, urtato ed infine metabolizzato tanto da non porci più attenzione.

Tale raccolta è stata portata avanti tenendo comunque ben presente il ruolo positivo di collante sociale e di provvidenziale terreno d’incontro fra persone diverse svolto da questo riciclato prontuario, e, pur senza ovviamente alcuna pretesa di completezza, tanto sterminato è il terreno di indagine, la presente ricerca, costata – nostro malgrado – anni di studio intenso ai limiti della sopportazione psico-fisica, si pone come obiettivo una certa esaustività in materia, lasciando l’infinito lavoro aperto a qualsiasi collaborazione di chi vorrà aggiungere altri nuovi reperti tralasciati che andranno ad integrare la monumentale collezione.

I curatori ci tengono a ringraziare tutti coloro i quali hanno dato il loro prezioso aiuto per la riuscita della presente raccolta e ringraziano fin da ora chi offrirà il proprio contributo.

Per la Scienza, per la Storia, per la Memoria, per la madonna che palle che c’hanno fatto ‘ste cazzate!


Per la Scienza, per la Storia, per la Memoria, per la madonna che palle che c’hanno fatto ‘ste cazzate!


“Quella ragazza mi piace” “Ma è fidanzata” “Embè?! Mica so’ geloso!”

“Com’è l’acqua?” “Bagnata.”

“Dai, di’ qualcosa!” “Qualcosa.”

“Ciao ragazzi, ci vediamo, e se non ci vediamo, accendiamo la luce.”

“Ciao, ci vediamo, e se non ci vediamo, speriamo sia per colpa tua.”

Portando in mano un libro spesso “Il peso della cultura…”

“Tutto sommato è un bravo ragazzo” “Sì, quando dorme!”

“Ahò, quella mica si trucca: si stucca! Anzi, si restaura!” “Sì, pare Moira Orfei!”

“Quello è talmente grasso che si fa prima a saltargli sopra che a girargli intorno!”

“Ti dimentichi sempre tutto! Ti scorderesti pure la testa se non ce l’avessi attaccata al collo!”

“Quant’è brutto quello! Sembra un quadro di Picasso”

“Lprespassn” “Eh?” “‘Sto cazzo!”

“Come ti sa questa cosa?” “Mah, non mi dice niente” “Anche perché non parla…”

“Ahò, se dai un’altra capocciata diventi intelligente!”

“Come va la ferita” “M’hanno messo sei punti: c’ho preso la tuta e il borsone.”

“Con quel naso che si ritrova se a tavola fa no con la testa sparecchia e se fa sì affetta il pane!”

“E che cazzo!” “Modera il linguaggio, ci sono dei bambini qui” “Capirai, questi te le insegnano loro le parolacce!”

“Te mica metti lo zucchero nel caffè! Te metti il caffè nello zucchero!” “E’ tanto amara la vita, lasciami almeno prendere il caffè dolce”

“Ma poi ti sei più operato?” “Ho fatto la riduzione del pisello: era troppo grosso”

Entrando d’inverno in una casa particolarmente gelata “Fa più freddo dentro che fuori!”

Sul treno “Qui si sale?” “No, se scende”

“Io sono acquario” “Io vergine” “Tu in tutti i sensi!”

Una ragazza sfiora per errore il braccio di uno ragazzo “Per caso sei scaramantica?” “Perché?” “Eh, tocchi ferro!”

“Ma che te buchi con l’acqua delle mozzarelle?! Ma che te sei fumato, ahò! Cambia spacciatore!”

Per sfottere uno con la riga in mezzo “Quello c’ha la testa a gettone telefonico!”

Ad un automobilista che svolta senza mettere la freccia “E che la metti a fa’ la freccia: la freccia la usano gli indiani”

Quando la macchina davanti va particolarmente piano “Questo sta andando ad un funerale”

“Certo che a te t’entra in culo ma non in testa!”

“Mi raccomando, stasera tutti davanti alla TV!” “Perché?” “Perché dietro non si vede niente”

“Mi sa che tu da piccolo sei cascato dal seggiolone”

“Te con i preservativi ci fai i gavettoni a ferragosto”

“Quello è così zerbino con le donne che c’ha scritto ‘welcome’ sulla schiena!”

Vedendo delle prostitute “Ma quelle non hanno freddo ad aspettare l’autobus così?”

“T’apro come una cozza!”

Vedendo uno con un cellulare molto grande in quanto datato “Quello che è, un telecomando?” o “Che va a gettoni?”

Ad un tipo spettinato “Ti sei pettinato con le miccette?” o “Hai preso la scossa?”

Ad un tipo con troppo gel sui capelli “Pare che t’ha leccato una vacca!”

“Non ci vedi e non ci senti: sei una talpa!”

“Ah stronzo!” “Guarda che per riconoscere uno stronzo ce ne vuole un altro, eh”

“Ma come hai fatto a non trovare ‘sta cosa così in bella vista?! Se era un cane t’aveva mozzicato!”

“Sei sicuro?” “Sì” “L’accendiamo?”

“Vaffanculo!” “Vacce e te e tre quarti della tua palazzina”

“Questo lo dici a tua sorella!”

“Te mi sa che sei frocio!” “Chiediglielo a tua madre se sono frocio” o “Portami tua sorella e te lo faccio vedere se sono frocio”

“Quelle sono le Tre Grazie: Grazia, Graziella e Graziealcazzo”

“Che ore sono?” “L’ora di ieri a quest’ora” o “L’ora che ti compri l’orologio”

Quando uno arriva con i pantaloni un po’ troppo corti sulla caviglia o ‘a pinocchietto’ “Ti si è allagata casa?”

Ad un automobilista che esita quando scatta il verde “I colori sono finiti, eh…”

Quando il verde al semaforo non arriva mai “‘Sto semaforo è verniciato”

“Ammazza quanto sei astuto! Che ti mangi pane e volpe?”

“Quanti anni ha?” “Venticinque” “Seee, per gamba!”

“Hai una sigaretta?” “Sì” “Hai anche da accendere?” “Vuoi anche che te la fumi io?”

A qualcuno che chiede troppe cose “Una fetta di culo tagliata vicino all’osso la vuoi?”

“Quella è bruttissima” “Vabbè, dai, se le metti un cuscino in faccia (o una busta in testa, N.d.R.) si può fare” o “La fica è tutta uguale”

“Quello è troppo basso” “L’uomo si misura in centimetri” o “Da sdraiati siamo tutti uguali”

“‘Sta macchina è uno scaldapizzette”

“‘Sto motorino è uno scaldabagno”

“Rambo, levati la fascetta, ché il film è finito!”

“Hai le orecchie foderate di prosciutto?”

“Hai il prosciutto sugli occhi?”

“Quello ha la testa solo per spartire le orecchie”

“Quello ha un occhio che manda a fanculo quell’altro”

“Hai il fisico da lanciatore di coriandoli” o “da soffiatore di minestrine” o “da giocatore di scacchi”

“Col naso che si ritrova la carta d’identità non gli si chiude”

“Ha due orecchie così grandi che ci capta il segnale radio”

“Ah fate! Ah fate schifo!”

“Amo’! Amo’! Ah mostro!”

“Ammazza che alito! Ma che ti mangi, i bambini morti con le scarpe da ginnastica?!” o ” Ma che ti mangi, i topi morti?!”

Alla cameriera per fare i fighi dopo aver scolato in fretta una bottiglia “C’hai portato la bottiglia bucata!”

Ad una commessa “Quanto costa? Sei anche tu compresa nel prezzo?”

“Come si fa?” “Come gli antichi”

“Vuoi fare sollevamento pesi? Alzami il cazzo”

“Quella è sarta: sarta da un cazzo all’altro”

“Non siamo noi ad essere razzisti: sono loro che sono negri!”

Riferendosi ad una persona di colore “Quello è incazzato nero” o “Ammazza quello quant’è abbronzato!”

“Quella lì hai un culo che fa provincia”

“Ho i calzoni così sporchi che tra un po’ stanno dritti da soli e camminano”

“E’ uscito meglio Pinocchio con una sega che te con una trombata”

“Era meglio che tuo padre si faceva una sega quella sera”

“Ma che ti credi, che Gesù Cristo sia morto dal freddo?”

“Faccio prima a farti un vestito che a portarti a cena”

Ad una persona che mangia moltissimo “Da quant’è che non mangiavi?!” o “Hai il verme solitario!” o “Sembra che non hai mangiato mai!”

A qualcuno particolarmente panciuto o ad una donna incinta “Guarda che il cocomero si mangia a fette…”

“L’hai guardata talmente tanto che ci hai lasciato gli occhi su quelle tette!”

“Quello ha due occhiali che sembrano fondi di bottiglia!”

Quando qualcuno sgassa in auto od in moto “Facci con il culo!”

“Sei proprio sfortunato! Tu devi andare a Lourdes!”

“Sono stato a Lourdes” “Trovato chiuso?”

“Hai una cartina?” “Ti sei perso?”

“Quella lì la violenterei” “Tsk, quella ti violenta lei! Se ti prende il cazzo non lo rivedi più!”

“Quella per scoparla ci vogliono tre giorni di ferie e due di malattia” o “ci vuole la superiorità numerica!”

“Guarda che mi incazzo!” “Embè? Fai due fatiche”

“Ti riduco così male che nemmeno tua madre ti riconosce”

Sull’aereo “Capo, apri il finestrino!”

Vedendo una macchina di lusso parcheggiata “Sai, l’ho lasciata qui…Passami le chiavi”

“Allora?” “Sessanta minuti”

“Quella non è brutta: è simpatica”

“Il fumo uccide lentamente” “Tanto non abbiamo fretta”

Ad uno che sta montando qualcosa “Ti sono avanzati i pezzi”

“Sei così magro che se tira vento ti porta via”

“Parla più forte” “Mica sono un megafono!”

“Questa non è una battuta, è una schiacciata”

Quando il treno si ferma lungo il percorso “Abbiamo bucato”

“Come stai?” “Seduto”

“Un applauso” “Clap”

“Eccì!” “Salute” “Che se ne va”

“Etciù! Ecciucciamelo!”

“Carino, quello lì. Peccato sia un po’ piccolo…Va be’, è un C.B.C.R.: cresci bene che ripasso”

A cena da un amico “Ho mangiato davvero bene!” “Ora ti porto il conto”

“Prego, siediti” “No, grazie, sto in piedi, ché devo crescere”

“Ti senti bene?” “No, grida più forte”

“Mi dai un bicchiere d’acqua?” “No, scusa, ce ne ho solo di vetro o di plastica”

Ad una persona che hai i calzoni sgarrati “Hai fatto a botte col gatto?” (battuta usata anche all’indirizzo di qualcuno con i capelli particolarmente arruffati, N.d.R.)

Ad uno con una catena o fibbia borchiata come collana “Ti hanno messo il collare? Il guinzaglio dove lo ha lasciato?”

“Mi fa male il braccio” “Troppe seghe!”

“Tu da che ti mascheri per carnevale?” “Io sono già mascherato così”

“Che aspetti a toglierti la maschera? Il carnevale è finito”

“Quando si ubriaca è proprio pazzo!” “Quello è così pure da sobrio”

“Ahò, ma io bevo e voi vi ubriacate?!”

“Mangi più della Democrazia Cristiana!”

“‘Sta macchina mi costa quanto una figlia femmina”

“Ammazza quanto fumi! Sei una ciminiera”!

“Conosci l’undicesimo comandamento? ‘Fatti i cazzi tuoi”

“Io te lo presto, ma si chiama Pietro…”

“Quando ti sposi? L’otto: lotto per non sposarmi”

“Voglia di lavorare saltami addosso…”

“Maria De Filippi è il marito di Maurizio Costanzo”

“Hai preso la patente?! Un nuovo pericolo pubblico! Da oggi col casco pure a piedi!”

“La patente l’hai presa con i punti del Fruttolo?!”

“Mi sono laureato in medicina!” “Un altro con licenza di uccidere”

In occasione di un diciottesimo “Ora che sei maggiorenne puoi andare in galera!”

“Ammazza quanto mangi! Ma tua madre non ti dà da mangiare?”

Detto da quello a cui al ristorante portano per ultimo il piatto o si dimenticano di portarlo “Io sto a dieta”

Ad una brutta “Ah bella de notte!”

Quando qualcuno si mette davanti ostacolando la visuale della persona dietro “Sei bello ma non sei trasparente”

“Prendimi questo. E anche questo. E anche questo” “Vuoi che ti faccia la spesa?”

“Mi dicono dalla regia…”

“Se non sono matti non ce li vogliamo”

“Se non sono complicate non ci piacciono”

Quando qualcuno ci mette troppo a fare qualcosa “Guarda che uno c’è morto…”

“Dopo tre sgrullate è pippa”

A tavola “Adesso che si mangia tutti zitti, eh!”

“Questa pietanza si mangia con le mani” “Io pensavo si mangiasse con la bocca”

“Ammazza che tette piccole! Quella non c’ha nemmeno la prima: c’ha la retromarcia!”

“Ti cambio il piatto?” “No, tanto poi nello stomaco si mischia tutto”

“Se continui così, ti raccogliamo con il cucchiaino”

“Io suono il pianoforte” “Io al massimo il campanello!”

“Caspita quanto pesa queste valigia! Cosa ci hai messo, un cadavere?!”

Quando al ristorante tardano a portare la pizza “Sono andati a cogliere il grano”

“Non fare la preziosa, ché ti si rubano”

“In questo traffico ci puoi morire di vecchiaia”

“Oh, con te ci vuole il dizionario Nome dell’interlocutore-Italiano Italiano-Nome dell’interlocutore

Posted in Sepolture previe risate, Tu' Zio | Contrassegnato da tag: , , , , | 2 Comments »

Le frasi amare che rendono squallida la vita

Posted by sdrammaturgo su 30 settembre 2007

Ci sono frasi terribili, spietate, che ci accompagnano dalla nascita al capezzale con il loro potere di svelare brutalmente i tormenti a cui è destinato l’uomo; formule tremende che sono in grado di annientare ogni entusiasmo e rammentarci quanto sia tragica e senza scampo la condizione umana. Ognuno di noi le avrà sentite rimbombare inclementi alle orecchie più e più volte durante il proprio cammino in questa valle di lacrime, restando ogni volta attonito e disarmato di fronte all’asprezza della realtà da esse palesata con glaciale assenza di misericordia.
Fin da bambini, in famiglia oppure a scuola, queste sentenze ci hanno insegnato che l’esistenza altro non è che un’asperrima marmellata di dolore e frustrazione; qualsiasi slancio di euforia, qualsiasi moto di ottimismo, ci è stato stroncato da certe lapidarie parole affinché comprendessimo che nessuna gioia ci avrebbe condotto al letto di morte, ma solo sconforto e terrore del vivere.
Se non c’è possibilità alcuna di redenzione
dal e del male, la presa di coscienza della sofferenza e conseguente memoria della stessa sono le unica vie di salvezza che ci sono concesse.
Ineliminabile è il patimento, ma non insostenibile il suo peso.
E’ a tale scopo che i Professori Fulvio Tricheco e Claudio Zoppo hanno deciso di raccogliere tutte quelle frasi amare che rendono squallida la vita, nella speranza che attraverso la consapevolezza ed il ricordo troviamo tutti la forza di affrontare la disperazione che esse hanno voluto da sempre mostrarci come inalienabile dal nostro triste mondo.
Nessuna illusione: seppur esposta alla luce della ragione, immane resta l’angoscia, ma meno soffocante è la morsa della tenebra rischiarata.

*

*

“Forza, ognuno a casa sua”

“Il gioco è bello quando dura poco”

“Domani interrogo”

“Stasera a letto presto, ché domani ti devi alzare alle sette”

“Se non ti va pane e zucchero, significa che non hai fame. Non siamo mica al ristorante”

“Abbiamo riso, abbiamo scherzato, ma adesso si torna seri”

“Ragazzi, dalla prossima settimana bisogna mettersi sotto, eh, ché ci sarà da lavorare sodo”

“Venerdì compito in classe”

“L’importante è avere un pezzo di carta sulle mani”

“Falli, ‘sti sacrifici, ché poi te li ritrovi”

“Il mondo è degli svelti, ma se lo godono i coglioni”

“Fatti un buon nome e fa’ ciò che vuoi”

“Quello è un buon partito”

“Qui se non si lavora non si mangia”

“Mi voglio sistemare”

“Quello ha lavorato una vita, però alla fine ha sistemato quattro figli”

“Mettiti da parte qualche soldino, ché non si sa mai come va la vita”

“L’artista dalla fame perse la vista”

“Questo figlio ci ha dato tante soddisfazioni”

“Mi raccomando, trovati un ragazzo ricco”

“Che ci fai con la bellezza? La bellezza svanisce, la bruttezza rimane”

“Quello è un bravo ragazzo, di buona famiglia. Suo padre fa il dottore”

“E’ una persona che ha sempre lavorato”

“Si sente che è uno che ha studiato”

“Se mio figlio mi portasse a casa una negra o una russa, mi dispiacerebbe”

“L’importante è che ti trovi una brava ragazza”

“Un lavoro ce l’hai, la moglie ce l’hai, i figli sono sistemati, cosa vuoi di più dalla vita?”

“Dammi retta, figliolo, diventa medico od avvocato. Vuoi mettere quando senti che ti chiamano ‘dottore’?”

“Tu è ora che trovi marito / prendi moglie!”

“Ma che ti importa degli altri! Pensa a te stesso, ché a te poi non ci pensa nessuno”

“Quando entra l’insegnante ci si alza in piedi”

“Ci vuole rispetto per gli anziani”

“Mangiare in classe è una grave mancanza di rispetto nei confronti del professore e dei compagni”

“A scuola si deve venire vestiti in un certo modo”

“Ci vuole un abbigliamento adeguato per ogni occasione”

“Questa macchina costa un po’ di più, ma la differenza si sente”

“Vuoi mettere avere una casetta tutta tua? Almeno hai qualcosa da lasciare ai tuoi figli”

“Visto come va in giro conciato quello? Sembra il figlio di nessuno”

“Tanti auguri”

“Tante care cose”

“Buona fine e buon principio”

“Io mi sono spaccato la schiena per mandare avanti la famiglia e farvi studiare”

“Divertirsi sì, ma sempre con la testa sulle spalle”

“Mi raccomando, giudizio”

“Fa’ attenzione, ché in certi posti non si sa mai chi si possa incontrare”

“Attento alle amicizie sbagliate”

“Sposalo, ché è un bravo ragazzo, uno con i piedi per terra”

“Io non capisco questi ragazzi che bevono e poi si mettono alla guida. Io nella mia vita non mi sono mai ubriacato: massimo un bicchiere”

“Ai miei tempi quando una persona più grande parlava si stava zitti e si ascoltava”

“Oggi non c’è più rispetto per i genitori. Io se mi azzardavo a controbattere a mio padre, erano dolori”

“Quando sarai grande farai come ti pare, ma finché stai sotto questo tetto fai come dico io”

“Ti sembra questa l’ora di rientrare in casa?!”

“Sì, ora sei contento perché sono cominciate le vacanze, ma vedrai quanto farà presto ad arrivare settembre!”

“Non posso venire: devo studiare perché domani ho un esame”

“Sbrigati a laurearti, ché si sa quant’è difficile entrare nel mondo del lavoro”

“Mi pagano poco o nulla, ma intanto entro nel giro”

“Quello si gratta le palle tutto il giorno, ma qui c’è da lavorare, altroché!”

“Uscire?! Ma stiamo scherzando?! Io stasera mangio un cucchiaio di minestra e alle nove sono dentro al letto, ché domani lavoro, mica gioco!”

“E noi chissà quando andremo in pensione…”

“Io voglio solo un posto sicuro per arrivare tranquillo alla pensione”

“Io all’età tua la mattina studiavo ed il pomeriggio lavoravo. ‘Sto divertimento, le uscitine, me li sognavo”

“Ti ci vorrebbero due settimane di Polonia”

“Chi di giovane non è di sinistra è senza cuore; chi da grande non è di destra, non ha testa”

“Sì, pure io da giovane la pensavo come te, ma vedrai che quando avrai la mia età mi darai ragione”

“Da giovani siamo tutti idealisti, ma poi subentrano gli impegni, la famiglia, il lavoro, e lì non si scherza”

“Critichi critichi, ma poi vorrò proprio vederti quando sarai genitore anche tu”

“Tu nel dubbio in Chiesa vacci”

“L’erba voglio non cresce neanche nel giardino del re”

“Non sta bene”

“C’è modo e modo”

“L’educazione prima di tutto”

“Per carità, sempre nel rispetto di chi la pensa diversamente”

“Qui non è che ognuno può fare come gli pare: ci sono delle regole che vanno rispettate”

“Io non capisco queste coppie che si baciano in pubblico. C’è luogo e luogo e certe cose si fanno in privato”

“Così passi dalla parte del torto”

“Comportati da signore”

“Io da giovane lavoravo dieci ore al giorno e guai a chi alzava la testa”

“Vestiti bene, se no poi la brutta figura la faccio io perché la gente pensa che tua madre sia una trascurata”

“Quella va’ a letto con tutti. E’ proprio una puttana”

“Che delusione ha dato al padre, tanto brava persona che ha lavorato tutta la vita”

“Prendi esempio da quello: ha faticato per anni, ma adesso ha dieci operai sotto di lui”

“Tu alla tua età devi pensare solo a studiare”

“Anche se gli altri fanno sciopero, tu entra e fatti vedere dai professori che sei diligente”

“Al giorno d’oggi non ti regala niente nessuno”

“Guarda che le donne sono furbe, non vedono l’ora di trovare qualche pollo come voi per rigirarlo come un pedalino”

“Prima fai i compiti, poi vai a giocare”

“La cravatta ogni tanto ci vuole”

“Presentati bene al colloquio, ché la prima impressione è quella che conta”

“Per carità, lo stipendio fisso è una bella comodità, ma lavorare in proprio è tutta un’altra cosa. Ci saranno pure più responsabilità, ma vuoi mettere la soddisfazione?”

Posted in Sepolture previe risate, Tu' Zio | Contrassegnato da tag: , , , , | 14 Comments »

Campagna F.E.O. – Parte III

Posted by sdrammaturgo su 12 settembre 2007

Nelle sue prime opere cinematografiche, Woody Allen (o meglio, il suo personaggio), intellettuale brillante ma bruttino, si sentiva insidiato nei suoi rapporti con le donne da dei belloni magari un po’ stupidi, da uomini di successo insensibili ma potenti, da aitanti seduttori senza cultura ma dotati di enorme sex appeal. Mi chiedo come reagirebbe oggi Woody Allen di fronte al dilagante successo in campo sentimentale di uomini di poco migliori di lui quanto ad aspetto fisico ed in più del tutto privi della sua arguzia, per giunta anche senza particolari doti amatorie od elementi di fascinazione. Sì, sto parlando dell’inspiegabile febbre, che sembra quasi – tristemente – inarrestabile, dell’omino.
Già: per quanto possa suonare assurdo, ogni donna – o giù di lì – che io conosca ha intrapreso almeno una relazione a medio o lungo termine con un appartenente a tale immonda categoria. Ero rimasto al bello&dannato, ed invece mi ritrovo il ragioniere nel ruolo dell’uomo ambito dal gentil sesso.
Una volta piaceva Dylan McKay. Poi ho accettato l’idea che venisse sostituito da Brandon Walsh nell’immaginario erotico-emotivo-affettivo delle ragazze. Ma mai avrei sospettato che a surclassare entrambi sarebbe stato Jim Walsh. Ciò rappresenta per me e per tutti gli altri promotori dell’iniziativa un mistero insondabile.
L’omino è l’alfiere della medietas: non è solo mediocre, bensì vuole essere mediocre; l’omino non è mai troppo brutto né troppo bello; è l’orgoglio della nonna ed il cocco di mamma; malato di calcio, segue la Formula Uno, partecipa a tornei di briscola e tresette, trascorre ore davanti alla Play Station; è del tutto privo di interessi; istruito ma non colto; parlerebbe per ore con lo zio; è attaccato alla famiglia; non osa mai, non ardisce mai, in alcun campo, dalla cucina al taglio di capelli all’abbigliamento; è il bravo ragazzetto, la bravissima persona; costitutivamente moderato, non si sbilancia mai, non ha passioni travolgenti, evita qualsiasi cosa potrebbe scuotere il suo equilibrio di certezze fortificate dalla tradizione piccolo borghese. Insomma, l’impiegatuccio, l’ingegnerello, il maritino, il compagno di classe che studia, strappa il sette, è benvoluto dai professori per la sua docilità ed ambisce solo al famoso “posto fisso, lavoro sicuro”, ad una bella macchina, non eccessivamente appariscente, ad una moglie, dei figli, il pranzo la domenica con i parenti, la passeggiata al lago la domenica pomeriggio e Controcampo la sera.
Ebbene sì, costui, a quanto pare, è diventato il più desiderabile degli individui. Non un uomo, non un omaccione: un omino. L’omino. L’omino.
Sarà perché trasmette sicurezza (per forza! Quale colpo di testa può fare, uno che teme persino di deludere il biscugino?!), sarà perché in genere è un accanito ed attento corteggiatore (ce credo: egli sa bene che quando gli si spalanca la possibilità di una botta di culo, non si ripresenterà una seconda occasione), resta il fatto che non si spiega questa mania per chi fatica ad indossare una maglietta che potrebbe urtare la suscettibilità degli avventori del baretto.
Lancio dunque un nuovo appello – che va ad inserirsi nella Campagna F.E.O. – a tutte le lettrici del mio blog, visto che il Comican non ha dato i frutti sperati: donne dall’intelletto sviluppato, lasciate l’omino al suo corrispettivo femminile, la donnetta. E’ lei che si merita, e non altre.
Piuttosto che l’uomo comune, senza qualità, senza arte né parte, sono meglio perfino il bruto, il bifolco, il tronista, il lampadato muscoloso, il picchiatore da discoteca, il cubista, il calciatore. Certo, il carino, intelligente, intrigante e creativo sarebbe auspicabile, il massimo, ma mi sta bene anche il figone un po’ tamarro, se ciò comporta la rinuncia a chi ha il quoziente intellettivo di un ultrà senza averne la prestanza, lo spessore, l’ampiezza di orizzonti o, in sintesi, le palle.
Meglio uno che vi attizzi senza dover partecipare insieme a lui al Cenone di Natale che uno con cui dovete partecipare al Cenone di Natale senza che vi attizzi.

 

Campagna F.E.O.

Favorisci l’estinzione dell’omino

 

Pensa in grande, pensa in piccolo, ma non pensare in medio.

Di’ NO a lui

Luca Sandri Luca Sandri

er approfondimenti: Campagna F.E.O. – Parte I; Campagna F.E.O – Parte II.

 

 

P.S. (a cura del Professor Fulvio Tricheco) Non sai cosa sia un omino e non hai la benché minima voglia di leggere e comprendere questo post? Non c’è problema: ecco per te un semplice e pratico test per scoprire se il tuo lui appartiene o no alla categoria degli omini, o se ne presenta solo qualche sintomo.

– gioca al fantacalcio?

– partecipa a tornei di playstation con gli amici?

– ti trascura per la partita di calcetto con la squadra della frazione?

– non vede l’ora di andare a pranzo da sua madre?

– guarda di cattivo occhio la cucina etnica?

– guarda il Gran Premio?

– frequenta Ingegneria?

– frequenta Economia e Commercio?

– è pettinato nella stessa maniera da più di 8 anni?

– ignora chi sia Beckett?

– la domenica pomeriggio predilige le partite in tv?

– ascolta “tutta la musica”?

– il suo genere cinematografico preferito è il fantasy o l’action movie?

– ha svolto il servizio militare?

– compra riviste di videogames?

– va al Motor Show?

Se ti sei risposta “sì” ad almeno 10 domande su 16, complimenti: stai con un perfetto esemplare di omino. Tuttavia puoi ancora salvarti, e quindi evitare di trasformarti in Pina Fantozzi prima di aver compiuto i 30 anni. Come? E’ facilissimo: dirigiti immediatamente verso la più vicina abitazione dove si stia consumando un’orgia interrazziale, partecipa energicamente facendoti riprendere ed invia il filmato al tuo miserabile fidanzato omino. In un batter d’occhio non solo ti sarai liberata di lui, ma avrai finalmente avuto un’esperienza davvero avvincente, il cui stimolo ti potrà consentire di inizare una nuova entusiasmante vita lontana da inutili bravi ragazzetti.

 

Posted in Tu' Zio | Contrassegnato da tag: , , , , , , | Leave a Comment »