Beati i poveri, perché moriranno prima

Posts Tagged ‘etologia’

Dialogo tra un vivo poco entusiasta di essere tale e un essere umano dall’alta autostima

Posted by sdrammaturgo su 3 settembre 2012

UMANO Gli animali, dal punto di vista fisico, non sono altro che macchine biologiche, e la loro capacità di provare dolore è qualcosa di simile alla capacità di un computer di auto-diagnosticarsi. Così come l’uomo ha dato al computer la capacità di segnalare i malfunzionamenti, in modo che l’utente sia in grado di ripararlo, la selezione naturale ha dato agli animali la capacità di provare dolore, in modo che possano evitare di morire prima di essersi riprodotti.
L’unica differenza è che il computer è stato progettato, mentre gli esseri viventi si sono evoluti in maniera casuale a partire dalla materia inanimata. Ma sempre di macchine si tratta.
Cos’hanno di speciale le macchine biologiche?

VIVO Sono d’accordo con te: gli animali non sono altro che macchine biologiche. Con una differenza, però: gli esseri umani non fanno eccezione.
Dal momento che siamo animali anche noi, dovendo nutrirci, respirare e morire come ogni altro animale, non siamo altro che macchine biologiche. Ogni essere vivente è soltanto una macchina biologica. Il nostro cervello si attiva al momento della nascita, e la morte non è altro che una disattivazione. I nostri organi, i nostri neuroni, sono semplicemente un impianto, i cui materiali di base, le cellule, dopo lo spegnimento del computer centrale, diverranno materia prima per nuove macchine biologiche, altrimenti detta concime.
Il che non è male: praticamente siamo del tutto simili a Terminator.
Dunque, tu, essendo una macchina biologica a tua volta, cos’hai di speciale?

UMANO Beh, io ad esempio sono dotato di autocoscienza, mentre gli altri animali no.

VIVO Pensa quanto potrebbero prenderti per il culo un luccio e un piccione per il fatto che non sei in grado di respirare sott’acqua o di volare senza l’ausilio di apparecchiature tecnologiche.

UMANO Ma le abilità intellettive valgono più di quelle fisiche.

VIVO Vediamo se mi ripeti la stessa cosa mentre un gruppo di bulli ti sta pestando dopo averti raggiunto perché nell’inseguimento sei stato troppo lento a scappare.

UMANO E poi il punto è proprio che loro non potrebbero prendermi per il culo poiché non hanno le facoltà intellettive sufficienti per farlo. Si limitano a rispondere alla loro natura, mentre io ho la capacità di pormi problemi e domande, razionalizzare il mondo circostante, vagliare le varie ipotesi, trovare soluzioni ed operare scelte consapevoli.

VIVO Praticamente sei un essere superiore perché sei in grado di fare shopping.

UMANO No, sono un essere superiore perché sono in grado di interrogarmi sulla vita e provare amore, perché la mia specie ha creato il microchip e la Cappella Sistina, perché posso orientare la mia esistenza verso un fine nobile che dà un senso a quella che per un animale sarebbe mera sopravvivenza.

VIVO Ah, ecco, ecco. Invidio sempre l’umana autostima. Ed io che penso sempre di essere stato cacato per puro caso su un sasso generico gettato in un angolo sperduto qualunque dell’universo in espansione verso il Big Crunch. Ma sicuramente tu sei stato inviato qui con uno scopo superiore, si vede subito.
A differenza di una banale gallina, scommetto che tu non sei soggetto alla normali leggi naturali, tipo gravità ed entropia.
Vedi, una volta la persona più misera e irritante che abbia mai conosciuto, irritata da una zanzara, la uccise esclamando: “Che animale inutile!”.
Mi sorprese molto il pensiero che questo infimo e sgradevole esemplare di essere umano intento a condurre un’esistenza fatta di sveglia, lavoro, famiglia, supermercato, fila alla posta, domeniche coi parenti e ferie a Sharm el Sheik, quando guardava uno specchio vedeva una creatura essenziale per le sorti del mondo.

UMANO Ma il suo cervello era comunque più complesso di quello di una zanzara.

VIVO A parte il fatto che le zanzare non reputano fondamentale l’abbronzatura. Ma comunque, gli esseri umani non sono per niente diversi dalle altre specie animali. Prendiamo ad esempio quando si deve trombare: gli animali fanno la danza dell’accoppiamento, noi andiamo in discoteca; loro si prendono a capocciate tra maschi del branco, noi cerchiamo di risultare i più fighi. Cambiano le forme, ma non la sostanza. Anzi, semmai gli animali si danno un’annusata e si ingroppano. Non devono star lì a dire: “Mi piacciono molto i tuoi gusti musicali. Ti va di venire a questo concerto con me?” quando in realtà stanno pensando: “Mi piacciono molto le tue tette. Ti va di farmi un pompino immediatamente?”. Certo, questo non succederebbe se le donne non esigessero menzogne. Ma si sa, le donne sono appassionate di raggiro. Sanno benissimo che quando un uomo si avvicina loro è perché vuole scoparsele, ma sentono il bisogno di essere ingannate. L’uomo ideale è un truffatore in camicia. In fondo, tutto questo serve ad illudersi di avere una qualche importanza sulla superficie di questo pianeta qualsiasi. Non dico di abbandonarsi a un totale pragmatismo razionalista. Basterebbe un po’ più di sincerità che conservi un minimo di romanticismo rivelando però la verità dei fatti. Che so, avvicinarsi a una donna e dirle: “Sei l’agglomerato organico più bello che abbia mai visto”.

UMANO Ma che c’entrano ora le donne?

VIVO Ecco, vedi, gli animali non pensano così spesso alla figa.

UMANO Va be’, ad ogni modo, converrai con me che gli animali non hanno fatto il Requiem di Mozart.

VIVO Ma non hanno fatto nemmeno la bomba atomica.

UMANO Ma quello è solo un cattivo uso delle facoltà intellettive.

VIVO Un po’ come le canzoni d’amore.

UMANO Insomma tu sostieni che gli animali sono perfino superiori all’essere umano?

VIVO No, dico solo che gli animali non si esaltano di fronte a dei musicisti che suonano su un palco o a dei calciatori che giocano su un campo.
Voglio dire, sono solo individui osservati mentre svolgono bene il loro lavoro. Perché allora non mettersi ad inneggiare e fare il tifo all’elettricista che ti sta facendo l’impianto di casa?
“Eeeh oooh Alfonsooo Pedicozziii mi fa l’impianto di caaasa miaaa”. E via con magliette di Alfonso Pedicozzi, poster di Alfonso Pedicozzi, interviste ad Alfonso Pedicozzi, groupie di Alfonso Pedicozzi, telecronaca con commento tecnico di Alfonso Pedicozzi mentre svolge le sue mansioni: “Pedicozzi svita la presa… trova il relais… lo smonta! Lo smonta! Grandissimo utilizzo della pinza da parte di Alfonso Pedicozzi!”. E poi interviene il commentatore: “Oggigiorno ce ne sono pochi che sanno maneggiare il cacciavite a stella in alluminio come Alfonso Pedicozzi”. “Ho preso il biglietto per la prossima saldatura di Alfonso Pedicozzi, tu ci vai?” “Chiaro, non me lo posso perdere. Pare che stavolta installi anche un circuito in parallelo”.

UMANO Ma noi esseri umani abbiamo un bisogno di trascendenza. A ben vedere, è anche per questo che sono nate le droghe.

VIVO Le droghe non sono certo così diffuse per gli effetti che danno. A nessuno interessano davvero gli effetti. È l’apparato scenico che conta, come forma di affermazione sociale.
Prendi il caso della cocaina: ti chini, ti metti una cannuccia nel naso, la polvere su un tavolo di vetro, sniffi, ti rialzi di colpo con gli occhi rossi, quant’è losco, quant’è sordido, quant’è figo.
Ecco, se l’assunzione di cocaina avvenisse tramite supposte, non la prenderebbe nessuno. Ce la vedi tu una serata in un salotto decadente con modelle e musica alta in cui arriva uno: “Ho portato la roba” e via, tutti ad infilarsi pasticche di cocaina su per il culo?
L’essere umano non ha bisogno di trascendenza: ha bisogno di fare branco convincendosi di essere meglio degli gnu.

UMANO Resta aperta una questione, però: se animali o esseri umani sono solo macchine biologiche (posizione che condividi anche tu), perché dovremmo curarci della sofferenza?

VIVO Perché entrambi sono programmati per percepire le seccature, e rompere le palle è una fatica illogica sia per lo scocciatore che per lo scocciato.

UMANO Continuo a non essere convinto.

VIVO Eppure non è un concetto difficile da capire. Sai quali sono i concetti più difficili da far capire a un uomo?
Al terzo posto: il principio di indeterminazione di Heisenberg.
Al secondo posto: la M-theory.
E al primo posto: “A me piace il calcio, ma non tifo per nessuna squadra”.
“Cioè, nel senso che tifi per una squadra ma sei sportivo, obiettivo nei giudizi e non fazioso?” “No, intendo che considero un disvalore il senso di appartenenza” “Ah, allora tifi per una squadra ma non te ne importa poi molto” “No, intendo che già trovo ridicoli nazionalismo, patriottismo, campanilismo, figuriamoci se posso riconoscermi in qualche modo in un gruppo di sconosciuti che praticano uno sport indossando una determinata divisa. È grottesco e completamente stupido. Può farmi piacere che vinca ora una squadra, ora un’altra, a seconda dei meriti, ma non sempre la stessa. Mi diverte assistere allo spettacolo atletico, tecnico e tattico del calcio, ma non vedo perché dovrei sostenere fideisticamente una squadra, che è un simbolo vuoto” “Ah, ho capito, sei dell’Inter”.

UMANO Però stavo notando che non è giusto: in questo dialogo hai fatto fare a me la parte dell’inetto facendomi dire quello che pareva a te mentre tu ne esci con un’immagine brillante del vero arguto.

VIVO Per forza: sono io l’autore del dialogo, faccio i miei interessi. Mica mi metto a fare la figura del cretino da solo. Il piano era stato stabilito fin dall’inizio: fare apparire tutti gli esseri umani stupidi tranne me, unico intelligente che ha capito tutto.

UMANO Hai ragione. Anzi, ora che ti ho conosciuto meglio, credo che tu sia un uomo davvero strepitoso.
Lettrici, dategliela!

Posted in Sepolture previe risate | Contrassegnato da tag: , , , , , , | 36 Comments »

Un fallito contemporaneo, 3

Posted by sdrammaturgo su 18 dicembre 2010

Capitolato Terzo

Se non son belle le rose senza spine, figuriamoci le spine senza rose

ove si affronta l’amara verità a viso aperto e non ci si stupisce di conseguenza se da essa si è preso in pieno uno sganassone, e apprendesi preziosa lezione: pugilatore che tien la guardia bassa divien spavaldo malato di Parkinson.
*
*

La posizione sociale è tutto. Se non sei nessuno, non eserciti alcuna attrattiva (ne sa qualcosa l’Uomo Invisibile). Un esempio? Le donne del mondo dello spettacolo. Potrebbero avere chiunque e guarda caso stanno sempre con uomini importanti. “E’ normale, frequentiamo lo stesso ambiente. Per me non ha mai contato nulla il fatto che fosse un regista influente. Mi ha colpito perché è una persona affascinante”. Oh, incredibile: il tecnico delle luci non è mai affascinante.
Una donna non si chiede: “Chi mi piace?”, bensì: “Chi mi deve piacere?”, giacché una donna patisce particolarmente la pressione sociale e subisce una spasmodica ansia di accettazione nel consorzio umano. E’ per questo che non bada tanto all’individuo in sé, quanto a ciò che esso rappresenta, alla maniera in cui viene percepito dagli altri, a quello che gli ruota intorno. Per piacere ad una donna è sufficiente dunque piacere ad altre tre di sua conoscenza. E’ quindi un vero guaio se non piaci neppure ad una quarta di cui lei ignora l’esistenza.
Oggi come oggi (altrimenti, come cos’altro potrebbe essere oggi?) non potrebbe più esistere una coppia Otello e Desdemona, perché lui farebbe il salumiere (o, nella migliore delle ipotesi, il fruttivendolo) e lei sarebbe la figlia di un accademico della Crusca e di un soprano (per inciso: sono molto solidale con le cantanti soprano, perché sono destinate ad essere fotografate sempre in posa da pompino).
E l’atmosfera, la possibilità di sognare cinematograficamente (pur godendo di tutte le certezze del caso – il famigerato uomo che “dà sicurezza”), sono tutto per una donna.
Una donna si fidanza per poter avere a che fare con tutto quello che gira attorno al fidanzamento. Il fidanzato non è il fine, ma il mezzo. Non è la persona la cosa principale: l’obiettivo vero sono i bigliettini e le telefonate. L’amore è una strategia di mercato della Vodafone.
Lo stesso vale per la famiglia: non si fa una famiglia per stare con una persona: si sta con una persona per fare una famiglia. Di conseguenza, un uomo vale l’altro. E a questo punto mi chiedo: perché, quando ci sono di mezzo io, vale sempre l’altro?!
Avete mai notato? A tavola, gli uomini vanno pazzi per primi e secondi piatti, mentre le donne preferiscono antipasto e contorno. E’ un dato di fatto: se un uomo ed una donna fanno sesso su una collina, all’uomo piace la donna, alla donna piace la collina.
Io non sono bravo a fare il fidanzato. Bisogna nascere con la dote. C’è chi nasce bravo a giocare a calcio, chi nasce con il pollice verde, chi è portato per la musica, chi sa fare bene il fidanzato. Io no. Nessuna delle quattro.
E poi, ammettiamolo: il fidanzato serve per riempire il tempo alle donne prive di interessi e la fidanzata serve come approvvigionamento sessuale agli uomini privi di fica.
Una relazione si configura pertanto come un’alternativa ai corsi di salsa e merengue da un lato ed un abbonamento in Vulva Sud dall’altro. Vita di coppia, famiglia, figli, sono stati inventati per offrire un argomento di conversazione alle persone molto noiose. Compreso questo, la concezione dell’amore si ridimensiona considerevolmente. Ma conserva intatto il fastidio che ne deriva.
*
Allora mi sono iscritto in palestra. “Così miglioro il mio aspetto ed intanto non vengo sopraffatto dai pensieri”, mi sono detto. Ma ogni volta che sono in palestra penso: “Tutta questa fatica e non sono neppure il più bello del mio condominio”. E sotto i pesi non faccio che sperare che cambino i canoni estetici. Sarebbe una notevole facilitazione esistenziale trovare Aldo Fabrizi sulla copertina di Men’s Health.
C’è da aggiungere anche che niente è più vano e financo deleterio della palestra nei rapporti con l’altro sesso. Mi spiego: legata in qualche modo al codificato imperativo raffaellesco-castiglioniano della sprezzatura, la donna esige che sia evidente la bellezza ma resti ben nascosto lo sforzo per ottenerla; se vai in palestra non sei quindi altro che uno fondamentalmente brutto che tenta con impaccio di migliorarsi (peraltro invano); inoltre, se mostri di essere particolarmente attento alla forma fisica ed all’aspetto esteriore, lei entrerà nel panico poiché penserà che tu giudicherai con severità ogni suo minimo difetto estetico e ciò le getterà addosso un’inammissibile insicurezza che non potrà accettare; se però non ti curi e ti inflaccidisci, lei perderà ogni residuo di attrazione nei tuoi confronti perché non ci tieni e non la attiri più sessualmente; la pretesa di una donna è pertanto che un uomo sia geneticamente bello ma non vi badi granché e si senta perciò libero di ingozzarsi e non praticare mai del moto senza che ciò intacchi in alcun modo i suoi addominali scolpiti, essendo essi protetti da imperitura incorruttibilità concessa per divin miracolo.
Eh sì, le sofferenze mi inseguono pure lì. Anche perché è cominciato un corso di danza del ventre. Chi l’avrebbe mai detto che ci si potesse arrapare pure con la musica del kebabbaro? “Non ti meritano: quelle hanno di sicuro un cervello piccolo così”, mi ha detto un amico per consolarmi. Ho capito, ma hanno pure due tette grandi così.
*
Ma sapete qual è la mia vera sciagura? Sono basso. O meglio, sono stato sfortunato a nascere nel periodo storico sbagliato in cui l’altezza media mi penalizza. Col mio metro e sessantanove, nel 1902 sarei stato uno stangone. Se voglio rimorchiare, quando mi chiedono quanto sono alto, mi trovo costretto a mentire dicendo 1.70. E’ come al supermercato, quando si legge 4.99 invece che 5 euro sul prezzo di una confezione. Quel misero centesimo ti convince che stai facendo un affarone, che il prezzo sia nettamente più basso. Allo stesso modo, un solo centimetro fa la differenza tra l’essere accettato come partner sessuale o l’essere rifiutato. Una donna associa la decina del metro e sessanta alla misura femminile, quindi niente da fare. Da quella del settanta in su, invece, si tranquillizza. L’amore è una questione di marketing.
Fateci caso: ogni volta che si domanda ad una donna “Come dev’essere il tuo uomo ideale?”, lei risponde puntualmente: “Dunque…dunque: alto, poi…”. Capite? Ognuna menziona sempre “alto” come prima caratteristica, la nomina sempre al primo posto dell’elenco delle qualità fondamentali! Non già “bello”, non “intelligente”, nemmeno “ricco”, tantomeno “dotato” o “affascinante”. No! “Alto”. A parte quando mente e dice che l’importante è che sappia farla ridere, ma va be’ – anche se riguardo a questo vige storicamente un grosso equivoco. Dipende infatti cosa si intende per “deve farmi ridere”. Dipende, ossia, dal tipo di risata che l’uomo deve saper suscitare. Uno pensa alla risata e subito viene in mente quella che segue ad una battuta sorprendente. Non è così: quando una donna afferma che innanzitutto un uomo debba farla ridere, intende un altro genere di risata. Questa: “Ciao. Sai, ho una carriera brillante e posso garantire un futuro di benessere, massima stabilità e protezione per te e la prole” “Hahaha, ommioddio, ma è splendido! Ti amo”. Se le cose stanno in questo modo, allora i conti tornano. Ma non le biasimo per questo, ci mancherebbe. Siamo pur sempre animali. Cosa succede in natura? Il leone maschio cerca di accaparrarsi le risorse migliori, rappresentate principalmente dalla femmina più sana che gli darà una prole robusta; la leonessa si accoppia con il maschio alpha che possa salvaguardare lei ed i cuccioli dai pericoli esterni. Allo stesso modo, le donne hanno bisogno di un uomo sistemato; a noi uomini basta che sia figa. Se volete capire l’amore, guardate gli ippopotami.
La donna, per struttura psico-fisico-osteo-muscolare, guarda solo dritta davanti a sé. Per cui, se sei abbastanza alto da entrare pienamente nel suo campo visivo, bene. Altrimenti, niente. La donna abbassa lo sguardo solo per guardare i cagnolini. Quindi, seppure lei è 1.76 e tu 1.75, quel solo, unico, apparentemente trascurabile centimetro, è sufficiente a costringerla ad un’impercettibile inclinazione dello sguardo verso il basso che ti relegherà inesorabilmente nella categoria Cagnolini. Abbassando gli occhi, ti assocerà così al cane di sua zia, il quale peraltro gode di tutto il suo disprezzo. Le sono sempre piaciuti tutti i cani, va pazza per i cuccioli, con la sola irripetibile eccezione del cane di sua zia; quello non lo sopporta proprio perché da piccola l’ha traumatizzata pisciandole sulla gonnellina di pizzo. E tu le ricorderai nello specifico proprio quel cane lì. Avresti almeno potuto ricordarle un cane generico, sarebbe già stata una minuscola sottospecie di salvezza. E invece no: le ricorderai proprio l’ineluttabile dannato cane di sua zia, possa esso bruciare all’inferno con tutta la schifosa zia appresso.
*
L’altra mia grande sciagura è che non ho la macchina. Con il motorino non puoi nemmeno andare a puttane. Cosa le dici, ad una prostituta? “Monta, ho un casco in più”? Certo, in quel caso uno potrebbe risollevarsi facendo il dannato sprezzante delle regole dicendo ammiccante con aria da impavido duro: “Sai, non è omologato”. Ma sarebbe comunque un misero rimedio.
Insomma, non ho successo con le donne. Non che la mia situazione sia proprio senza speranze, intendiamoci. Se devo quantificare, diciamo che in un ménage a trois farei il quarto. Mi manca intraprendenza, spirito di iniziativa. C’è qualcosa che mi frena sempre dall’andarci a provare: la dignità. Il fascino della conquista è disarmante: un misto tra orgoglio dell’elemosina ed ebbrezza del marketing. E poi che diamine, io sono un uomo che non deve chiedere mai. Perlomeno se non vuole sentirsi dire di no.
Non sono capace di vendermi. Il tizio più bravo nella promozione di se stesso che io abbia mai conosciuto era uno che, quando una ragazza gli chiedeva: “Cosa fai nella vita”, rispondeva: “Mi adopero per tutti coloro che non hanno voce”. In realtà era rappresentante di pastiglie per la raucedine. Ci sapeva fare. Oh, se ci sapeva fare.
Ho capito che per le donne io sono un uomo oggetto-intellettuale. E questo è ben peggio che essere un uomo-oggetto tout court, nell’accezione comunemente intesa. Essere un uomo-oggetto od una donna-oggetto comporta i suoi bei vantaggi. In ogni caso, quantomeno trombi. Ma essere un uomo oggetto-intellettuale, oh, è una tragedia senza pari. Vieni usato per appagare l’ego altrui. Le donne ti cercano per aumentare la propria autostima. Fanno di tutto per piacerti, perché piacere ad un minorato, sai che sforzo. Non c’è alcun merito, son buone tutte. Ma piacere ad uno molto intelligente, vuoi mettere la soddisfazione? Alza il prestigio, gratifica. E rifiutare uno molto intelligente dà una sensazione di gloria, potere, grandezza, sicurezza, benessere incomparabile. “Posso permettermi di dire di no ad uno molto intelligente, sono davvero figa sotto ogni punto di vista!”.
Quando una ha bisogno di sentirsi intelligente, viene da te. Un’uscita stimolante, conversazioni acute, arguzia che la rigenera. Quando ha bisogno di scopare, va da quello lì che avete visto dimenarsi in pista con indosso la camicia fosforescente e che per giunta la considera una poco di buono se gliela dà subito.
Che condanna, l’intelligenza.
Uomini, fate tesoro di quello che sto per dirvi: quando una donna dice che siete interessanti, significa che non ve la darà mai.
Verità e destino sono sempre già contenuti nelle parole. Interessante è un volume sulla vita quotidiana in Attica nel secolo di Pericle. Voi avete mai visto una donna scopare con un volume sulla vita quotidiana in Attica nel secolo di Pericle? Io no.
L’amore smodato che le donne non riescono a non provare per il mio cervello, le distrae dal mio pene.
*
*
*

segue

*
*
*

Posted in Diario simulato | Contrassegnato da tag: , , , , , , , , , , , , , , | Leave a Comment »